Amministrative 2011, prevalgono i veti incrociati

MANCANO pochi mesi, ricordiamo, alla scadenza elettorale relativa al rinnovo del Consiglio comunale di Rogliano. Un lasso di tempo compreso fra la fine del 2010 e l’inizio del 2011 durante il quale forze politiche e  associazioni civiche dovranno passare dalla fase embrionale a quella operativa per quanto riguarda disponibilità  di uomini e programmi. Al momento, però, non esiste nessun quadro delineato se non quello che attiene alla quasi certa ricandidatura del sindaco uscente, Giuseppe Gallo, e all’accordo fra Pdl e Udc. Più nello specifico, dopo l’ufficializzazione del gruppo consiliare, il centrodestra roglianese ha portato a termine una serie di incontri per mettere a punto la piattaforma programmatica da negoziare e perfezionare con il partito di Casini. Non meno impegnato il fronte del centrosinistra, con il Pd che ha ripreso a riunirsi per definire la sua organizzazione interna e stabilire l’insieme delle alleanze. In gioco ci sono il futuro della politica nel Savuto e, principalmente, l’amministrazione del territorio. La richiesta del consenso dovrà  passare, infatti, attraverso una agenda fatta di azioni concrete a sostegno dello sviluppo, in grado di convincere un elettorato disilluso e alle prese con mille problematiche quotidiane. L’impressione è che al momento non ci sia un quadro chiaro della situazione. E che da queste parti la strada verso gli accordi, anche quelli più naturali, sia ancora irta di ostacoli per tatticismi, prese di posizioni personali e veti incrociati che coinvolgono ogni singolo schieramento.

G. St.

Nella foto: Rogliano, il Palazzo di Città . Chi sarà  il prossimo ‘inquilino’ ?

Fonte della Notizia: L’Eco dei Casali.

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com