Nuovo reparto Dialisi, esplode la polemica

“DOPO UNA lunga trafila siamo riusciti ad inaugurare un reparto che è un successo non tanto per la politica ma soprattutto per i nefropatici della zona che hanno bisogno di un servizio oggi indispensabile sia per l’Azienda ospedaliera di Cosenza che per l’Azienda sanitaria provinciale”. E’ quanto ha riferito il vice sindaco Giovanni Altomare dopo il taglio del nastro al nuovo centro Dialisi del S. Barbara, avvenuto mercoledì scorso alla presenza del governatore Scopelliti. Altomare ha rappresentato l’Amministrazione comunale in assenza del sindaco Giuseppe Gallo, a Padova, in questi giorni,  per la 27^ assemblea nazionale dell’Anci. Lo stesso Gallo, però, ha parlato di “scorrettezza istituzionale con la quale – ha spiegato – l’Azienda ospedaliera di Cosenza ha organizzato l’appuntamento”. “Mi riservo – ha fatto sapere il primo cittadino – l’adozione di un’azione istituzionale e politica destinata ad offrire alla mia comunità  e alla opinione pubblica elementi di giudizio e a tutelare gli interessi del Savuto, che, ne siamo tutti oltremodo convinti, coincidono con quelli della Regione”. A giudizio del sindaco infatti “Scopelliti ha stracciato l’accordo che il 27 agosto scorso era stato sottoscritto con il commissario Gangemi, uomo di sua stretta fiducia, accordo che prevedeva il rilancio dell’ospedale di Rogliano. Non si capisce – ha detto – nemmeno perché si sia scomodata un’intera commissione regionale, la terza, che ha effettuato un sopralluogo nella struttura ospedaliera, ricavando valutazioni del tutto positive e destinate a ben altre soluzioni”. A Rogliano, dunque, la polemica non è mancata nemmeno il giorno della inaugurazione del centro nosocomiale, con prese di posizione anche forti sia dal centrodestra che dal centrosinistra, e con l’Amministrazione comunale di nuovo sul piede di guerra  perché convinta che progetto di riordino dell’ospedale avverrebbe in un quadro di “ostilità  politica”  e “senza alcun tipo di confronto” con le istituzioni territoriali. “L’apertura della Dialisi – ha evidenziato ancora Gallo – non risale alla capacità  né del governatore, né del suo manager, in quanto l’intero reparto era pronto da oltre un anno e mezzo, dopo essere stato realizzato dalle precedenti gestioni aziendali. La verità  è che essa viene attivata solo dopo le nostre vibrate e note proteste, ben note al governatore, e dopo la proposizione di un esposto a mia firma alla procura della Repubblica di Cosenza”. Nel documento di ieri il sindaco ha replicato alle accuse del Pdl sostenendo che “tempo fa, il senatore Gentile annunciò che a Rogliano sarebbe stato realizzato un grande polo sanitario. “Si tratta – ha concluso il primo cittadino – di affermazioni infondate e persino comiche, in presenza di tutto quanto è capitato e sta, incredibilmente, capitando alla comunità  del mio territorio. Restituiamo al mittente la grande presa per i fondelli che il centrodestra, ad ogni livello, intenderebbe rifilare ai cittadini del Savuto”.

G. St.


Nella foto: Scopelliti assieme al vice sindaco Giovanni Altomare durante l’inaugurazione della Dialisi.

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com