Scopelliti inaugura il Centro Dialisi del ‘S. Barbara’

IL PRESIDENTE della Giunta regionale ha inaugurato il nuovo reparto Dialisi del presidio ospedaliero ‘S. Barbara’ di Rogliano. Il servizio sarà  gestito dall’Azienda sanitaria provinciale (Asp) con un proprio staff medico-infermieristico all’interno di un’area autonoma del nosocomio dotata di tecnologia dialitica di ultima generazione. Risultato di un grosso investimento, la struttura sarà  funzionale alle richieste dell’utenza zonale con ampi margini di crescita per le prestazioni erogabili. Un progetto avviato nel 1993, che si è concretizzato in questi mesi con la creazione di uno spazio nosocomiale dotato di macchine innovative, impianto di climatizzazione autonomo, stanze provviste di bagni e spogliatoi, ambulatori e uffici con collegamento in rete, sale degenza con 10 posti-rene. “L’iniziativa – ha spiegato Scopelliti – s’inquadra nel percorso che avevamo annunciato qualche mese addietro, che fa parte di quell’idea di riconversione di alcune strutture che testimonia la nostra capacità  di guardare in prospettiva”. Il presidente ha parlato di gioco di squadra “perché – ha detto – si mettono in campo il ruolo dell’Azienda ospedaliera insieme a quello del Territorio (Asp) per la creazione di un nuovo servizio. Non più l’ospedale sotto casa che non è in grado di dare risposte, ma un ospedale riconvertito che va incontro a quelli che sono i veri bisogni della collettività ”. Quello della Dialisi appare come un risultato straordinario, frutto di un lungo periodo di concertazione che non dipana, però, i dubbi sul programma di riassetto del ‘S. Barbara’ – in quanto presidio operativo non ridimensionato dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, quindi su un suo eventuale declassamento in casa della salute. Infatti, in merito alla implementazione di un polo urologico all’interno dello stabilimento lo stesso Scopelliti ha parlato di previsione che non rientra nei piani della Regione. Almeno per il momento, considerato “che in questa stagione dove non ci sono più risorse nel Paese, bisogna avere il coraggio di fare grandi riforme e le riforme – ha fatto sapere il governatore – passano attraverso la capacità  di mettere in campo soluzioni che sono funzionali alle necessità  dei cittadini”. Dopo la trasformazione del Pronto soccorso in Punto di primo intervento seguita alle polemiche della scorsa estate, per il rilancio dell’ospedale, ricordiamo, le istituzioni locali hanno chiesto, ricordiamo, il mantenimento dei reparti di Medicina e Chirurgia generale, l’aggiunta della Day surgery aziendale, della Dialisi e la prospettiva di una seconda branca chirurgica. Urologia, appunto. Alla iniziativa di ieri hanno partecipato gli assessori regionali Giacomo Mancini e Michele Trematerra, i consiglieri Ferdinando Aiello, Fausto Orsomarso, Claudio Parente, Giampaolo Chiappetta, Giulio Serra, il vice sindaco Giovanni Altomare, l’assessore comunale alla Salute, Mario Altomare, i vertici dell’Ao e dell’Asp di Cosenza, esponenti politici, amministratori ed operatori di settore tra i quali il direttore dell’Unità  operativa di Nefrologia (Asp), Romano Musacchio. Per quest’ultimo “bisogna dare atto ai due commissari straordinari, Gangemi e De Rose, nonché all’Amministrazione comunale di Rogliano per l’impegno profuso affinché questo centro Dialisi sia avviato. Un centro che darà  risposte ai dializzati del Savuto (oltre venti, nda) che attualmente sono costretti a recarsi presso l’Annunziata o addirittura a Soveria Mannelli”. L’apertura del reparto è il frutto di una convenzione fra Azienda ospedaliera  e Azienda sanitaria provinciale “Un’azione – ha affermato il commissario Paolo Maria Gangemi – che va verso la razionalizzazione della spesa e l’utilizzo ottimale delle risorse”. “Assieme a Scopelliti – ha concluso il manager – avevamo preso degli impegni, tra cui l’apertura di questo centro Dialisi. Così come è stato per le sale operatorie (di Cosenza, nda) così è oggi per questo presidio e così sarà  anche domani per l’apertura del Dea (Dipartimento di emergenza e accetazione) che sbloccherà , finalmente, tutti i problemi del Pronto soccorso (di Cosenza, nda). Noi abbiamo previsto come data ultima per l’apertura il 30 giugno 2011”. La Dialisi di Rogliano garantirà  momentaneamente un turno antimeridiano dalle ore 8 alle ore 14 con possibilità , in futuro, anche per un turno pomeridiano e una utenza di 34 malati.

Gaspare Stumpo

Nella foto: un momento della visita di Scopelliti al ‘S. Barbara’ di  Rogliano.

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.

 

Le immagini del nuovo reparto e le dichiarazioni istituzionali

 

 

 

[embedyt]http://www.youtube.com/watch?v=yehtDjclwnY[/embedyt]

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com