Rogliano, al via l’implementazione del wi-fi pubblico

L’ASSENZA di banda larga, la mancanza di servizi avanzati nel settore delle comunicazioni informatiche dovuto alla carenza di risorse, quindi di investimenti per l’adeguamento delle infrastrutture, è alla base dell’handicap, o meglio del ‘digital divide’ – che nel Mezzogiorno continua ad escludere migliaia di cittadini dal collegamento broadband. Oltre alle aree rurali e pre montane, nel Savuto il problema legato all’assenza di collegamento internet veloce penalizza importanti centri come Altilia, Belsito, Bianchi, Carpanzano, Colosimi, Mangone e Scigliano, con grandi difficoltà  soprattutto per professionisti, studenti e mondo delle imprese. Diversa, invece, la situazione sul territorio della cintura roglianese, dove il servizio è presente e in alcuni casi anche sinonimo di innovazione. A Rogliano, per esempio, l’Amministrazione comunale ha avviato l’iter per l’attivazione di un sistema wi-fi con l’obiettivo di realizzare una rete pubblica broadband con cinque punti d’accesso gratuiti (piazza San Domenico, villa comunale, viale Guarasci, Casa delle Culture e Urban Park). “Un obiettivo strategico, quello della implementazione delle tecnologie informatiche – ha spiegato il sindaco Giuseppe Gallo – fortemente voluto dalla nostra Amministrazione per realizzare un modello di città  interconnessa, capace di mettere al centro del vivere urbano il cittadino, l’impresa e il turista”. “E’ ormai ampiamente riconosciuto – ha ribadito Gallo – che la rete Internet non è un semplice strumento di comunicazione ma può assumere un ruolo decisivo nello sviluppo delle comunità  e permettere ai cittadini di avere pari opportunità  economiche, culturali e sociali”. Il rischio di oggi, infatti, è quello di vedere popolazioni ‘iperconnesse’ e popolazioni ‘infopovere’. Rogliano, ricordiamo, è stato premiato dall’Asmenet (consorzio interregionale che promuove l’innovazione tecnologica e gestionale) in quanto comune innovatore in rapporto ai sistemi di e-gov. “Partiamo con queste prime cinque zone in via sperimentale che – ha concluso il sindaco – rappresentano una porzione importante di territorio su cui insistono significative strutture comunali all’aperto, con l’impegno di incrementare il servizio qualora ci fosse un riscontro positivo dei cittadini”. La piattaforma wireless (senza fili) dovrebbe partire a conclusione dell’iter tecnico-amministrativo, probabilmente nel marzo 2011.

Gaspare Stumpo
 

Nella foto: Rogliano, Urban Park.

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.

 

 Guarda il video: ‘Rogliano, il Borgo delle Dodici Chiese’

[embedyt]http://www.youtube.com/watch?v=EfdNNLQfOpI[/embedyt]

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com