´Depuratore lungo strada non aperta al transito”

 

 

“COME E’ POSSIBILE che lungo una strada non aperta al transito viene costruito un mega impianto?”. Se lo chiede l’Amministrazione comunale di Carpanzano, che in questi giorni ha deciso di denunciare con maggior forza il “disastro economico ed ambientale” che attiene al primo lotto della strada a scorrimento veloce Piano Lago-Medio Savuto. Gli amministratori carpanzanesi minacciano infatti di adire alle vie legali “perché – spiegano – si faccia luce sullo spreco di danaro pubblico perpetrato ai danni della collettività ”. Lo scrivono in una lettera inviata ai presidenti di Regione, Provincia e Comunità  montana. A quest’ultimo, il sindaco Giuseppe Vigliaturo sollecita un provvedimento di chiusura della strada Medio Savuto “essendo la stessa non in sicurezza nonché mai aperta al transito veicolare”. “Si chiede alla Comunità  montana del Savuto – ha scritto – perché la strada in parola non viene transennata dalla testa di accesso? Quale politico e/o dirigente tecnico a suo tempo autorizzò il transito per consentire la costruzione di un depuratore consortile quando la strada Medio Savuto non è mai stata aperta alla percorribilità ”. “E, se il collaudo sussiste, perché – aggiunge il primo cittadino – non è stata data tempestiva comunicazione ai sindaci del comprensorio o quantomeno una comunicazione ai vari consiglieri comunitari?”. Il mega impianto citato nella missiva corrisponde dunque al depuratore intercomunale (nella foto) realizzato in territorio di Marzi, a margine del tracciato della Piano Lago-Medio Savuto. L’Amministrazione comunale pretende quindi “chiarezza” e l’adozione di “provvedimenti celeri alla ultimazione dell’opera” – onde evitare ulteriori situazioni di disagio legate al movimento franoso presente sul tracciato a monte del torrente Lara che, ricordiamo, ha causato un grave danno lungo la ex statale 19. Ad oggi, infatti, le maggiori preoccupazioni restano legate allo stato di salute del collegamento viario e ferroviario da e per Carpanzano. “La costruenda strada Medio Savuto – ricorda Vigliaturo – rappresenta un potenziale sviluppo di questo territorio, già  disagiato da una viabilità  precaria ed anche penalizzato da ogni forma di espansione socio-commerciale”. “Un servizio adeguato alle esigenze dei cittadini non è stato realizzato, l’unico collegamento è concesso da una corsa a mezzo autobus da Carpanzano per Cosenza delle Ferrovie della Calabria. Tutto ciò – fa sapere ancora il sindaco – penalizza fortemente il nostro paese creando notevole disagi ai cittadini ma anche ai ragazzi che frequentano le scuole superiori e l’università ”.

G. St.

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com