Rogliano, nuove indiscrezioni sul ‘Santa Barbara’

PER IL MOMENTO sono solo indiscrezioni ma per qualcuno l’ipotesi di una rimodulazione del personale attivo all’interno del servizio di Radiologia dell’ospedale di Rogliano non è peregrina. A supporto di tale convinzione ci sarebbe infatti una richiesta di utilizzo di due radiologi e di un tecnico del ‘Santa Barbara’ presso lo stesso settore dell’Annunziata. L’istanza, che avrebbe ricevuto il consenso del Consiglio di Direzione dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, non trova d’accordo gli operatori del nosocomio del Savuto, peraltro già  razionalizzato in alcuni comparti a partire dal Pronto Soccorso (oggi Punto di Primo Intervento) e non ancora a pieno regime per quanto riguarda l’implementazione dei nuovi servizi. Attualmente nel reparto di Radiologia del presidio roglianese operano cinque medici (dei quali tre con reperibilità  notturna e festiva) e quattro tecnici. Una equipe la cui attività  assieme a quella del laboratorio Analisi è di fondamentale importanza per le prestazioni interne ed esterne del nosocomio, in particolare per le situazioni più urgenti di supporto al PPI. Un eventuale riordino della dotazione organica pertinente al sevizio di Radiologia potrebbe innescare un possibile “effetto cascata” – con personale in uscita verso Cosenza e non viceversa. Una soluzione lontana da quella prospettata per il ‘Santa Barbara’ che in virtù di potenziali conferme non sarebbe nelle condizioni, nel tempo, di funzionare in maniera ottimale e di interagire al meglio con il resto delle strutture ospedaliere cosentine. Una situazione che non favorirebbe né l’ospedale di Rogliano (che incapperebbe in altre difficoltà  di ordine operativo) né tantomeno l’Annunziata alle prese con molti problemi di carattere logistico legati anche alla costruzione del nuovo ospedale. Queste, in sintesi, le novità  e soprattutto le preoccupazioni del territorio. Nei giorni scorsi, ricordiamo, un Consiglio comunale aperto aveva sviscerato le questioni legate al mondo della Sanità , reclamando ancora una volta “chiarezza” circa il futuro del comparto in sede locale. Il ‘Santa Barbara’ – ricordiamo – è tra i pochi ospedali in possesso dei requisiti di sicurezza e degli standard richiesti dalla normativa vigente. Un motivo in più per fare di questo ospedale una risorsa e non una occasione mancata.

Gaspare Stumpo

Nella foto: la Tac multislise in dotazione al reparto di Radiologia dell’ospedale di Rogliano.

 

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com