Savuto, il maltempo provoca danni nelle aree fluviali

ERA STATO ripristinato nell’agosto 2006 grazie all’interessamento di un gruppo di cittadini (tra i quali diversi emigrati) e della stessa Amministrazione comunale di Marzi che già  da tempo si era fatta portavoce delle istanze di molti appassionati. Il ponticello sul torrente Lara posto alla confluenza con il fiume Savuto consentiva l’accesso ad una vasta area fluviale (oggi in degrado) tanto cara alla tradizione locale. La struttura, realizzata in territorio Marzi/Belsito, in località  ‘Ponte Nuovo’ – è di nuovo impraticabile in quanto quasi totalmente abbattuta dalla violenza delle acque provocata dal recente maltempo. Purtroppo, la piccola opera in cemento non ha retto alla forte corrente e all’accumulo di detriti e si è spaccata in più punti. Il ponticello era stato distrutto durante il nubifragio del novembre 2004 allorquando, ricordiamo, le forti precipitazioni avevano causato smottamenti lungo il Savuto e i suoi affluenti. Sulla scorta di quanto avvenuto in passato le intemperie dei giorni scorsi non hanno risparmiato nemmeno la viabilità  rurale, con frane e colate di fango più o meno significative in diverse zone del territorio. A  monte del fiume, per esempio, il crollo di una notevole quantità  di terreno ha riguardato la cosiddetta ‘Strada delle vigne’ – precludendo il passaggio dei mezzi. Il tracciato dell’antica mulattiera era stato interessato da un progetto di sistemazione per consentire un accesso più agevole ai terrazzamenti di località  ‘Britto’ e un migliore utilizzo meccanico anche come stimolo alla ripresa delle attività  nei fondi rimasti incolti. Quello della carenza infrastrutturale e del dissesto idrogeologico nelle realtà  rurali e fluviali è un problema che coinvolge tanti comuni dell’entroterra, con sindaci sempre più preoccupati per la gestione delle emergenze e gli interventi per la messa in sicurezza dei luoghi. Nella maggior parte dei casi le criticità  non riescono ad essere sanate per mancanza o esiguità  di fondi. E’ il caso della frazione ‘Cutura’ del comune di Rogliano, al confine con Parenti, dove non è più possibile transitare da una sponda all’altra del Savuto a causa di una ordinanza di divieto che interessa una piattaforma in cemento. Da queste parti, per far fronte al disagio era stata avanzata la proposta per la costruzione di un ponte. Che non si farà , almeno per il momento, proprio per l’alto costo dell’opera.

Gaspare Stumpo

Nelle foto: a destra il ponticello quasi totalmente distrutto nei pressi del fume Savuto. E la frana, a sinistra) sulla ‘Strada delle Vigne’.

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com