Rogliano, riaperta al culto la Chiesa di S. Lucia

A DISTANZA di quasi dieci anni dall’ultimo significativo terremoto  le campane della chiesa di Santa Lucia sono tornate a suonare. Gli effetti della scossa del 18 ottobre 2001 avevano causato, ricordiamo, problemi strutturali con conseguente provvedimento di chiusura anche per l’antico edificio religioso situato nel quartiere ‘Cuti’. All’epoca erano stati proprio i centri storici e le chiese a subire le maggiori conseguenze del sisma, soprattutto nel Savuto e nei paesi della fascia presilana. Ieri mattina, prima della celebrazione eucaristica, il sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo, ha consegnato le chiavi del sacro immobile all’arcivescovo di Cosenza-Bisignano, Salvatore Nunnari. “La riapertura di una chiesa è motivo di gioia – ha spiegato il prelato  – ed è sempre in linea con la storia e la fede di una comunità . Torno con piacere fra di voi dopo la visita pastorale. E’ difficile dimenticare l’accoglienza e la disponibilità  dei roglianesi”. Alla fine, l’arcivescovo si è rivolto ai parroci: “Rogliano ha bisogno di una grande pastorale giovanile”. E poi ai giovani: “date alla vostra città  un volto bello, socialmente, culturalmente e spiritualmente”. La riapertura al culto della chiesa di Santa Lucia è coincisa con il dodicesimo anno di ordinazione episcopale di mons. Nunnari.”E’ un onore, un privilegio – ha detto il sindaco Gallo – festeggiare questo evento nella nostra comunità ”. Il primo cittadino si è detto “emozionato” per l’avvenimento, ha ringraziato quanti si sono adoperati nell’intervento di restauro e ha ricordato l’importanza dell’edificio sacro nell’ambito del patrimonio storico, architettonico e religioso del luogo. Alla cerimonia di ieri hanno partecipato autorità  civili e militari. Presenti, tra gli altri, i parroci don Santino Borrelli e don Antonio Bartucci. “Si restituisce ai fedeli di Cuti e di Rogliano – ha affermato quest’ultimo – uno spazio sacro che ricade in un quartiere che,  in virtù dello sviluppo urbanistico, non è più ai margini della città ”. La chiesa di Santa Lucia è stata oggetto di un lavoro di restauro durato qualche anno che, oltre all’aspetto strutturale, ha riguardato le murature, gli stucchi, le parti in tufo e quelle in ferro e legno. Nel progetto è stata prevista la riapertura di un ingresso laterale murato da decenni. Da ieri quella di San Lucia è ritornata ad essere, operativamente, chiesa parrocchiale. Nella stessa giurisdizione ricadono pure le chiese di San Domenico e Santa Maria, anch’esse già  oggetto di restauro.

Gaspare Stumpo

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.

 

Le immagini della cerimonia

[embedyt]http://www.youtube.com/watch?v=FzFX-67Q1Yw[/embedyt]

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com