Ospedale, protesta a P. Lago. Interviene anche la Fials

CON UNA LETTERA inviata agli amministratori del Savuto e della preSila cosentina il sindaco Giuseppe Gallo ha annunciato una manifestazione popolare territoriale a sostegno del presidio ospedaliero ‘S. Barbara’ e contro l’isolamento del comprensorio. La nuova protesta era nell’aria già  da alcuni giorni, in particolare dal riavvio della vertenza allorquando, ricordiamo, i sindaci della vallata si erano incatenati davanti al nosocomio e organizzato il primo sit it. “Dopo la grande manifestazione di martedì scorso (nella foto) nessuna risposta è arrivata né dal Commissario on. Scopelliti né dal Commissario dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza dott. Gangemi. E’ evidente – ha scritto il primo cittadino – la volontà  di chiudere ad ogni ipotesi di ragionevole confronto istituzionale e di perseguire nell’obiettivo della chiusura del ‘S. Barbara’. Se ciò dovesse verificarsi sarebbe veramente la sconfitta politica e civile del Savuto che ormai sta perdendo sempre più pezzi importanti del tessuto produttivo”. Il sindaco si è soffermato ancora una volta sulle difficoltà  socio-economiche del territorio, quindi sul processo di depauperamento che potrebbe includere la riconversione di strutture sanitarie, la chiusura di scuole, il blocco di tratte ferroviarie, il trasferimento di uffici ed istituti di ricerca. “Come Sindaci – ha evidenziato ancora Gallo – siamo chiamati ad una mobilitazione straordinaria. Abbiamo il dovere di indignarci per difendere la dignità  delle nostre popolazioni e delle Comunità  amministrate”. La manifestazione si terrà  sabato prossimo a Piano Lago (Mangone), con inizio alle ore 9.30. Intanto, al termine di una assemblea aziendale, il sindacato Fials ha fatto sapere la contrarietà  dell’organizzazione “ad ogni tipo di ridimensionamento del S. Barbara previsto al marzo 2012”. All’incontro, che si è tenuto ieri mattina a Rogliano, hanno partecipato tra gli altri i segretari provinciali Katia Gentile e Antonio Turano. “La Fials – hanno affermato gli interessati – si schiera a fianco dei cittadini, dei lavoratori e nel contempo ricorda al commissario regionale e al commissario aziendale che il presidio del Savuto, con sale operatorie a norma, ha pieno titolo per rimanere nell’Ao di Cosenza anche dopo il 2012”. “Quello di Rogliano – ha ricordato Stano Carpino – è risultato il più efficiente fra i tre presidi (fonte Eurispes), ha offerto buone prestazioni senza casi di malasanità  in oltre trentacinque anni di attività  e circa 250.000 accessi”. La Fials ha sottolineato “gli impegni assunti dalla Direzione generale” confermando il sostegno al ‘S. Barbara’ nella prossima riunione con il manager Gangemi.  Infine, i rappresentanti della sigla autonoma hanno fatto sapere che una proposta potrebbe essere rappresentata dall’invio “dei codici bianchi e dei codici verdi presso il Punto di primo intervento di Rogliano e da un maggiore utilizzo della Tac presente all’interno dello stesso stabilimento”. Ciò, ovviamente, in una ottica di sinergia tra realtà  aziendali considerata anche la complessa situazione dell’Annunziata.

G. St.

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com