Corbelli a Scopelliti: ´al S. Barbara un centro ustionati”

LA VICENDA del ‘S. Barbara’ sarà  al centro della discussione del Consiglio provinciale e, quasi sicuramente del Consesso della città  bruzia, dove l’opposizione consiliare ha presentato un ordine del giorno sulla scorta di quanto annunciato da Enzo Paolini nel corso del suo intervento a Piano Lago. Quest’ultimo, assieme al presidente Mario Oliverio e ad altri esponenti della politica cosentina, ha espresso una posizione netta a sostegno del presidio roglianese appoggiandone la vertenza e le ragioni legate al mantenimento delle attività  nosocomiali in rapporto alle esigenze del Savuto e della Area urbana. Franco Corbelli, per esempio, non solo non ha nascosto la sua preoccupazione per le sorti del ‘S. Barbara’ – ma più volte è intervenuto con appelli al Governatore e l’indicazione di soluzioni propositive circa la rimodulazione del plesso. Nella giornata di ieri il leader di Diritti Civili ieri si è rivolto ancora una volta al presidente della Giunta regionale consigliandolo di valutare l’ipotesi di utilizzare l’ospedale del Savuto per la creazione di un Centro grandi ustionati. L’intervento è arrivato alla vigilia dell’incontro tra lo stesso Scopelliti e una delegazione istituzionale guidata dal sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo, che si terrà  questa mattina nella sede dell’Esecutivo, a Catanzaro. Un faccia a faccia ottenuto al termine della giornata di protesta di giovedì scorso a Cosenza, durante la quale, ricordiamo, i primi cittadini della vallata e il consigliere regionale Ferdinando Aiello avevano occupato la Direzione generale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza. Per Franco Corbelli il centro grandi ustionati è una struttura “assolutamente indispensabile e urgente come purtroppo dimostrano anche i tanti recenti drammatici episodi di bambini e persone adulte rimasti gravemente ustionati e trasferiti fuori regione”. La sua realizzazione sarebbe una grande conquista civile “non solo – ha detto – per salvare e valorizzare la struttura, l’efficienza e le professionalità  dell’ospedale del Savuto, ma per la sua collocazione ideale, al centro quasi della Calabria, a pochi chilometri da uno svincolo autostradale e a pochi metri da una ottima e sicura pista per l’elisoccorso”. “In Calabria – ha ricordato infatti Corbelli – manca questo genere di struttura. Sono molti i calabresi rimasti gravemente ustionati, a seguito di incidenti, costretti (con grandi disagi e sacrifici economici) a recarsi periodicamente fuori regione per potersi curare”. Da qui l’invito a Scopelliti a tenere nella giusta considerazione le richieste provenienti dal territorio e a valutare l’ipotesi, non peregrina, della creazione di un centro specializzato, unico in Calabria, all’interno di uno stabilimento sanitario che offrirebbe giusti standard sia dal punto di vista logistico che residenziale.

Gaspare Stumpo

Nella foto: Franco Corbelli durante il suo intervento a Rogliano in difesa del ‘S. Barbara’.

 

 

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com