Ospedale, scontro forte tra componenti politiche

“IL CENTRODESTRA roglianese dimostra ancora una volta di non avere spina dorsale ed assume una posizione vigliacca e pavida nei confronti di chi sta consapevolmente e scientemente uccidendo la sanità  pubblica cosentina: ossia il governatore Scopelliti ed il suo fido ascaro Gangemi”. Lo affermano i dirigenti del Partito Democratico in risposta alle affermazioni del gruppo ‘Rogliano nel cuore’ relative alla vertenza del ‘S. Barbara’. Un botta e risposta che evidenza lo stato di tensione anche tra componenti politiche su una vicenda che appare sempre più delicata. “Dire, come fanno loro, che il presidio ospedaliero di Rogliano deve partecipare da protagonista al processo di ristrutturazione della sanità  calabrese, implica che tale processo esista già : ebbene  – si legge in una nota del Pd – avvisiamo gli amici di ‘Rogliano nel cuore’ che il Governo nazionale ha bocciato il Piano di rientro presentato dalla Regione, quindi le delibere a cui si sta dando attuazione sono esclusivamente atti estemporanei dettati da scopi politici, che non tengono in alcuna considerazione le necessità  del territorio e l’efficienza dei servizi sanitari erogati”. Polemiche sempre più forti, dunque, e senza esclusione di colpi che investono non solo i vertici dell’Amministrazione regionale e del management aziendale, ma anche esponenti politici e dirigenti di partito (di centrodestra e in parte anche di centrosinistra) che hanno dimostrato (o meno) sensibilità  verso la causa del nosocomio. A Rogliano qualcuno ha addirittura stilato la classifica delle presenze o quella degli interventi a sostegno del ‘S. Barbara di quanti hanno ricevuto consensi nella vallata. “Come pro memoria – hanno fatto sapere. Per ricordarci quando verranno a chiederci i voti”. Lo stesso PD ha difeso l’atteggiamento del sindaco Giuseppe Gallo ricordando che “quando la senatrice del nostro partito, Doris Lo Moro, era assessore regionale alla Sanità , abbiamo portato in piazza migliaia di persone contro la sua proposta di ridimensionamento del S. Barbara, e l’abbiamo fortemente criticata e contestata”. Il Partito Democratico ha invitato pertanto il movimento ‘Rogliano nel cuore’ a “rialzare la testa” sottolineando il comportamento di chi rifiuta ostinatamente “di confrontarsi con i rappresentati eletti di un intero territorio”. Il ‘S. Barbara’sarà  oggetto di nuove iniziative in programma questa mattina a Rogliano. Il sindaco Gallo e il suo vice, Giovanni Altomare, all’indomani del trasferimento all’Annunziata di nove infermieri professionali hanno visitato ancora una volta il presidio. Nonostante gli incontri istituzionali dei giorni scorsi per il ‘S. Barbara’ si teme infatti un graduale e irreversibile smantellamento della struttura. Anche la segreteria provinciale del sindacato Fials è intervenuta con una lettera al commissario straordinario Paolo Maria Gangemi chiedendo la revoca dell’ultima disposizione organizzativa. Per il segretario provinciale aggiunto, Antonio Turano, l’atto “è in palese contrasto con il bando di mobilità  interna, non rispetta la graduatoria interna e non tiene in dovuto conto gli eventuali benefici che la normativa vigente prevede per il personale dipendente”.

Gaspare Stumpo

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com