Aiello (Sel) parla dei problemi della Sanità  cosentina

IL VICE presidente della commissione regionale Sanità , Ferdinando Aiello, è intervenuto ancora una volta a supporto delle istanze avanzate dalle istituzioni locali sul programma di riordino del presidio ospedaliero ‘S. Barbara’ di Rogliano. L’esponente di Sel ha polemizzato con l’avvocato Paolo Maria Gangemi giudicando quest’ultimo “inadeguato a ricoprire il ruolo di commissario dell’Azienda ospedaliera, in quanto – ha detto – non ha contezza  della sanità  cosentina”. Aiello (nella foto con il sindaco di Rogliano, Gallo) non ha nascosto preoccupazioni ed ha posto l’accento sulla situazione dell’Annunziata “per il quale rimane in discussione il decongestionamento non solo per la carenza di personale,  ma anche per la concentrazione di un alto numero di utenze”. Il consigliere regionale ha invitato ad estendere la discussione all’interno di un contesto più ampio rispetto alla riorganizzazione sanitaria “evitando di far prevalere singole posizioni”. “Paghiamo l’atto di imperio del governatore Scopelliti. E’ difficile immaginare la chiusura di Medicina a Rogliano e la continuità  dei servizi di qualità  che questo ospedale offre sapendo delle problematiche presenti all’Annunziata e al Mariano Santo. Non si capisce – ha aggiunto Aiello – perché non viene convocato il preannunciato tavolo regionale e perché non si vuole fermare l’emigrazione urologica specializzando le strutture disponibili garantendo qualità  nelle prestazioni”. Il dirigente di Sinistra, Ecologia e Libertà  si è augurato quindi che il Consiglio comunale di Cosenza (convocato per domani ) faccia “un esame serio non solo sul S. Barbara ma sul dramma che la Sanità  sta vivendo in questo momento”. “La spesa è aumentata nonostante il Piano di rientro. Sono curioso di sapere quale è stato il criterio che ha portato all’inserimento del presidio di Melito nell’Azienda ospedaliera di Reggio, per salvarlo, giustamente. E chi ha deciso, invece, lo scorporamento del S. Barbara dall’Azienda ospedaliera di Cosenza, per chiuderlo. La nostra – ha concluso Aiello –  sarà  una vertenza sempre più aspra”. Sulla vicenda del nosocomio del Savuto, che da alcuni giorni registra l’occupazione della direzione sanitaria, si è espresso anche il sindaco Giuseppe Gallo. Il primo cittadino ha criticato l’atteggiamento del movimento di centrodestra nato dall’esperienza della lista ‘Rogliano nel cuore’ – ribadendo di essere “disponibile, senza preoccupazione alcuna, a qualsiasi tipo di confronto pubblico che riguardi il tema del S. Barbara”.

G. St.

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com