S. Barbara, Idea Nuova incontra Gangemi

GIUSEPPE Scopelliti potrebbe illustrare il programma di riordino del presidio ospedaliero ‘S. Barbara’ di Rogliano. Il movimento politico ‘Idea Nuova’ sta lavorando infatti alla preparazione di un incontro con i cittadini per discutere del futuro del nosocomio alla luce delle scelte contemplate nel Piano di rientro dal debito sanitario. All’evento è prevista la partecipazione del direttore generale dell’Ao di Cosenza, Paolo Maria Gangemi, fresco di nuova nomina. Un appuntamento che dovrebbe scaturire dalla serie di incontri, anche istituzionali, predisposti in queste settimane per definire i termini del riassetto dello stabilimento di via Sturzo sulla base della proposta annunciata al termine del faccia a faccia di Catanzaro tra una deputazione composta da amministratori locali, il dirigente generale del dipartimento Presidenza della Regione Calabria, Francesco Zoccali e lo stesso Gangemi. Nelle scorse ore una delegazione di ‘Idea Nuova’ ha incontrato il manager per capire gli sviluppi di una vertenza che in questi mesi ha prodotto polemiche e momenti di forte tensione, compreso l’occupazione (in atto da tre settimane) della Direzione sanitaria del plesso roglianese. “La Sanità  in Calabria deve cambiare – hanno spiegato gli interessati. Noi crediamo nel lavoro che sta portando avanti il Governatore assieme al suo staff, tra mille difficoltà , vista la situazione in cui versa il comparto. Come cittadini siamo un po’ scettici, visti i trascorsi, ma lo scetticismo deve trasformarsi in orgoglio, orgoglio di chi ama la propria terra, di chi vuole smentire sul campo coloro i quali, anche per queste cose, chiedono la secessione”. ‘Idea Nuova’ – movimento politico considerato l’evoluzione del progetto avviato in occasione delle Comunali 2011 quale riferimento dell’elettorato di centrodestra, ha sempre difeso, ricordiamo, l’operato del management aziendale, invitando gli attori della vertenza a convergere in maniera propositiva verso il processo di cambiamento che sta vivendo la Sanità  calabrese. “Facciamo i nostri auguri al neo direttore. Nel nostro piccolo – hanno affermato da Idea Nuova – vogliamo essere parte attiva in questo cambiamento. Questo è quello che chiediamo, e siamo certi che il ruolo che verrà  attribuito al ‘S. Barbara’ sarà  degno della sua storia e del suo personale”. Tramontata (o quasi) la possibilità  di mantenere il reparto di Chirurgia generale (nove infermieri sono stati già  trasferiti all’Annunziata), per il ‘S. Barbara’ si continua a parlare di programma in grado di ‘riportare’ la struttura sotto la giurisdizione dell’Azienda ospedaliera cosentina, garantendole una funzione operativa tenendo in considerazione la salvaguardia del Punto di Primo Intervento, il reparto Dialisi, i laboratori Analisi e Radiologia, l’introduzione di un settore di Lungodegenza e Riabilitazione. Gli amministratori del Savuto sollecitano invece il mantenimento dell’unità  di Medicina, del Day Surgery e dell’Ivg aziendale con l’introduzione di una branca specialistica.


Gaspare Stumpo

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com