Mongolfiere: si pensa già  alla edizione 2012

I PISTONIERI ‘S. Maria del Rovo’ di Cava dei Tirreni, eredi della tradizione cavese nello sparo del pistone sono stati tra le attrattive più interessanti e seguite di ‘Mongolfiere sotto le Stelle’ (nella foto) – iniziativa promossa dall’Associazione Savuto Calabria in Volo che si concluderà  questa mattina con gli ultimi decolli dei palloni aerostatici.  L’esibizione del gruppo folkloristico campano è consistita in una serie di sfilate, evoluzioni di vessilli, squilli di trombe e rullo di tamburi. E di spari a salve con il pistone, una sorta di archibugio utilizzato per finalità  ludiche, dal rumore assordante ma suggestivo nell’insieme della coreografia. Lo spettacolo in costume ha rappresentato un evento nuovo che potrebbe ripetersi nei prossimi anni. La tre giorni santostefanese ha richiamato il pubblico delle grandi occasioni per l’avvenimento legato alle mongolfiere e per il nutrito cartellone messo a punto dal promoter Eugenio Carpino e dalla sua organizzazione. Un programma che per tre giorni ha permesso di unire innovazione e tradizione, di puntare alla promozione del territorio attraverso una azione sinergica che, oltre alle istituzioni locali, ha coinvolto imprenditori, operatori commerciali e gruppi di volontari. “La festa delle Mongolfiere – ha detto Arturo Crispino – diventa un grande contenitore di promozione della propria immagine, un luogo per rafforzare le relazioni tra aziende più innovative e per le più significative produzioni tipiche artigianali e agro alimentari”. La  fiera agricola, industriale, commerciale e artigianale ha costituito infatti una vera e propria “vetrina” intorno alla quale hanno ruotato proposte culturali, appuntamenti eno-gastronomici, spettacoli musicali e teatrali, mostre d’arte, gare sportive e di abilità . Tra queste le dimostrazioni della trebbiatura delle castagne e della panificazione con il forno a legna, caratteristici di S. Stefano di Rogliano dove ancora oggi è possibile visitare posti e attrezzi tipici della tradizione del primo Novecento. I decolli delle mongolfiere (all’alba e a mezzanotte considerato il periodo) e degli stessi paramotori hanno accesso la fantasia di grandi e piccini per la spettacolarità  e l’originalità  della proposta. “Quest’anno abbiamo fatto un passo in avanti – ha detto Eugenio Carpino – coinvolgendo molti paesi della Comunità  montana del Savuto e settori del mondo agricolo, industriale, commerciale e artigianale. Questa è la ‘mission’ del nostro gruppo: coinvolgere il più possibile le popolazioni del territorio, attraverso le pro loco, le associazioni, gli enti pubblici e privati, creare una rete di relazioni su progetti mirati, obiettivi specifici, condivisi da tutti”. Una serie di vite guidate curate dal professor Eugenio Maria Gallo ha permesso agli ospiti della manifestazione di conoscere anche il centro storico e i monumenti della vicina Rogliano. In particolare, una delegazione dei Pistonieri di Cava dei Tirreni e di Fragneto Monforte (città  gemellata con S. Stefano) è stata ricevuta dal sindaco Giuseppe Gallo e dall’assessore alla Cultura, Antonio Simarco.

G. St.

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.


I Pistonieri ‘S. Maria del Rovo’ a S. Stefano di Rogliano

[embedyt]http://www.youtube.com/watch?v=0q1uwYvtyTk[/embedyt]

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com