Gallo: ´sull’ospedale rispettare gli impegni”

CONTINUA a suscitare perplessità  il progetto di riordino del ‘Santa Barbara’ in rapporto ai servizi di riabilitazione e post acuzie che, per quanto si è saputo, dovrebbero trovare spazio all’interno del nosocomio. Lo stesso sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo (nella foto) anche ieri (nei giorni scorsi, nda) ha manifestato riserve circa il programma di riassetto della struttura, ponendo l’accento sia sul decreto per la ricollocazione dello stabilimento all’interno dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, sia sulle ipotesi di riconversione del plesso attraverso le funzioni già  paventate. “Non serve a nulla – ha scritto – e soprattutto ai cittadini mantenere il Santa Barbara nell’Azienda ospedaliera senza una sua missione che possa continuare a dare risposte di buona sanità  come sin’ora ha fatto”. Gallo ha espresso parole molto dure all’indirizzo di “coloro che in queste ore a Rogliano, in incontri più o meno clandestini, avallano scelte che sanciscono la fine del nostro ospedale”. Ma chi remerebbe contro il plesso di via Sturzo? Il sindaco si è riferito a quella schiera di politici locali “che attraverso il losco tentativo di coinvolgimento del personale ospedaliero e di pezzi della società  civile, sta vendendo il Santa Barbara e cerca proseliti per una morte camuffata del nosocomio”. Uno scenario inquietante, se così fosse, che alimenterebbe veleni e malcontenti ma soprattutto inciderebbe negativamente sul futuro dell’assistenza sanitaria zonale. Al momento l’attesa è rivolta al decreto. Sarà  compito dei vertici aziendali, nelle prossime settimane, definire il nuovo volto del ‘Santa Barbara’. Ma per fare questo “dovrà  confrontarsi con le istituzioni locali e con le forze sociali che – ha concluso il primo cittadino – in questi mesi stanno lottando per salvare una struttura fondamentale per il Savuto e che potrebbe diventare fondamentale anche per Cosenza se si guardasse ad essa nella sola ottica di migliorare i livelli di assistenza e non per interessi politici”. Giuseppe Gallo ha preannunciato quindi che è sua intensione esprimersi nella ‘Conferenza dei Sindaci’ sullo stato della Sanità  e sui livelli di assistenza che interessano buona parte del cosentino. L’impressione è che ad un ospedale, il ‘Santa Barbara’ – che continua ad erogare servizi di qualità  in un ambiente eccellente sul piano dell’assistenza e della residenzialità , possa contrapporsi un domani caratterizzato da situazioni diverse e con obiettivi ridimensionati rispetto alle attese del territorio.  

G. St. 

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com