Prima di Natale lo spostamento del mercato domenicale

L’assessore Pierfederico Cicirelli (nella foto) ha confermato la decisione da parte dell’Amministrazione comunale dello spostamento, in tempi brevi, del mercato domenicale. L’ufficializzazione del provvedimento è infatti imminente, giusto il tempo di definire l’iter burocratico conseguente agli incontri tecnici per la stesura del nuovo percorso e del relativo piano del traffico. Il mercato passerebbe pertanto dall’attuale ubicazione di via Stazione (che ritornerebbe area parcheggio) a quella di viale Antonio Guarasci, in pieno centro cittadino. Il progetto potrebbe prendere corpo già  nel periodo pre natalizio, per la gioia degli operatori in sede fissa che da tempo sollecitavano il cambio della logistica. Una richiesta, quest’ultima, avanzata anche in rapporto al periodo di crisi economica. Sono anni, ricordiamo, che i negozianti roglianesi vivono una fase di empasse con conseguenze negative per molte piccole realtà  costrette a misurarsi con la concorrenza delle nuove aree commerciali. Un fenomeno che ha provocato una lenta emorragia di punti vendita dal centro alla periferia e nella zona di Piano Lago, con conseguente abbandono di uno dei luoghi storici del commercio locale: Corso Umberto. Il nuovo itinerario del mercato domenicale interesserebbe una buona parte di viale Antonio Guarasci (peraltro sede di attività  commerciali), quindi, piazza San Domenico, Corso Umberto, Piazza Morelli e Piazza Saverio Altimari, dove permarrebbe il mercato alimentare (frutta, verdura, formaggi e salumi).  Il trasferimento avverrebbe dopo anni di discussioni (i primi tentativi risalgono al 2003) e di tentennamenti dovuti, in parte, a disaccordi fra gli stessi esercenti locali. Presente da tempo immemore, caratterizzato dalla presenza di bancarelle all’aperto con merce di ogni tipo a buon prezzo, al mercato della domenica confluiscono venditori e compratori provenienti dalle comunità  del Savuto, da Cosenza e dal sud cosentino. La decisione dell’Amministrazione comunale appare ferma anche per il segnale di novità  che la stessa intende dare in rapporto alla situazione di depauperamento del tessuto produttivo cittadino. L’idea è quella di ridare stimoli al comparto cercando di innescare, attraverso l’implementazione di nuovi spazi, processi di interazione tra commercio in sede fissa e attività  a carattere estemporaneo. “Vogliamo creare un mercato di qualità  – ha spiegato Pierferderico Cicirelli – con soluzioni adeguate e in linea con le leggi vigenti, capace di venire incontro alle esigenze di chi vende e di chi compra”. Lo spostamento della fiera sarà  oggetto di discussione nell’incontro di Commissione in programma per venerdi 11 novembre.

Gaspare Stumpo

 

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com