Marzi, il Pdci critica l’ex sindaco Aiello

IL DIRIGENTE marzese del Partito dei Comunisti Italiani, Antonio Filice (nella foto) ha espresso “indignazione” per le dichiarazioni dell’ex sindaco Rodolfo Aiello a proposito delle operazioni di adeguamento del campo sportivo comunale. Filice ha parlato di “appropriazione indebita” criticando, non senza ironia, l’atteggiamento dell’ex primo cittadino a proposito della rivendicazione della conclusione dei lavori sulla struttura.  Il Comune di Marzi, ricordiamo, da sei mesi è commissariato in seguito alle dimissioni di sette consiglieri su dodici. “Occorre fare alcune precisazioni di carattere etico prima che politico. A nessuno – ha spiegato l’esponente del Pdci – dovrebbe essere consentito di arrogarsi il diritto dell’egida sulle opere pubbliche se cittadino privato visto che l’architetto Aiello non è più sindaco di Marzi dal lontano maggio 2011”. Nella nota il rappresentante del Partito dei Comunisti Italiani ha parlato infatti di “millantato credito” ed ha chiesto l’intervento del Commissario prefettizio. “L’opera – ha aggiunto Filice – era stata finanziata dalla Provincia di Cosenza con un progetto presentato dalla precedente Amministrazione e reso esecutivo, successivamente, grazie ad una rimodulazione dello stesso realizzata gratuitamente da un noto professionista cittadino non già  dall’arch. Rodolfo Aiello, ex sindaco di Marzi”. In questo comune del Savuto le elezioni del nuovo Consesso civico dovrebbero tenersi a primavera, ma è facilmente prevedibile che si approderà  all’importante appuntamento istituzionale in un crescendo di polemiche.

Gaspare Stumpo

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com