A Calcutta l’esperienza shock di un gruppo di volontari

UN GRUPPO di volontari della parrocchia di San Pietro guidato da don Santo Borrelli ha partecipato, nei giorni scorsi, ad una breve missione umanitaria a Calcutta, presso le strutture facenti capo alla Casa generalizia delle Missionarie della Carità  fondata dalla beata Madre Teresa. Una esperienza definita “forte” che ha portato gli interessati a stretto contatto con la realtà  scioccante della metropoli indiana. Povertà , malattie, abbandono. Migliaia di persone senza casa, per strada o raccolte in tuguri, in condizioni igieniche disastrose tra smog, spazzatura e scarichi fognanti, prive di soldi, cibo e assistenza. Un impatto impressionante sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista emotivo. La comitiva, che si è aggregata agli operatori delle associazioni ‘Mani che aiutano’ e ‘La Via’ – ha consegnato medicinali, vestiti e una somma in denaro frutto della carità  dei fedeli. Il gruppo, del quale ha fatto parte anche l’assessore comunale alla Cultura, Antonio Simarco, ha visitato cliniche, centri di accoglienza e case di riposo restando colpito dalla miseria e dalla sofferenza della popolazione.“Abbiamo assistito a situazioni atroci. L’attività  di volontariato, soprattutto nel lebbrosario, ci ha segnato profondamente. E’ difficile – ha spiegato Simarco – raccontare le condizioni di vita presenti in quei luoghi e le difficoltà  del servizio sanitario ed assistenziale affidato esclusivamente alle organizzazioni umanitarie. Una situazione di indigenza estrema per giovani e adulti che si rinnova quotidianamente”. Le strutture gestite dalle suore di Madre Teresa garantiscono aiuto ad anziani, ammalati, bambini abbandonati, denutriti e diversamente abili. A malati di mente. La comunità  di San Pietro contribuirà  alla realizzazione di un impianto per la produzione di acqua calda destinata agli infermi.  L’esperienza di Calcutta è stata oggetto di una lunga riflessione durante il ritiro spirituale promosso dalla parrocchia roglianese presso l’istituto religioso di Suor Elena Aiello, a Cosenza. 

Gaspare Stumpo


Nelle foto: Antonio Simarco tra i poveri di Calcutta.

 

Fonte della Notizia

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com