Il gruppo di danza sacra in udienza da Benedetto XVI°

LA PRATICA della danza come espressione di fede e di ricerca  interiore in rapporto col divino. Arte e spiritualità  che si coniugano e diventano linguaggio corporeo grazie al Rosario Eucaristico danzato. Le danze accompagnano la contemplazione dei cinque misteri e la preghiera del Salve Regina. Il progetto è nato in parrocchia con il supporto di Rossella Sardegna e Antonio Vizza, entrambi coreografi. La preghiera diventa una danza armonica – “respiro dell’anima e del corpo”. Nella Bibbia il riferimento alla danza è descritto più volte come manifestazione di esultanza, di festa e di ringraziamento al Signore. Periodicamente, il gruppo di Rogliano (nella foto) si riunisce e prega davanti all’Eucarestia alla presenza del parroco di San Pietro, don Santo Borrelli. L’esperienza coinvolge soprattutto donne ed è sostenuta dall’associazione ‘La Via’. Mercoledì scorso i componenti del gruppo hanno preso parte all’udienza papale, nell’aula ‘Paolo VI°’. “E’ stata una esperienza bellissima – hanno dichiarato i partecipanti”. In occasione della Settimana di Preghiera per l’Unità  dei Cristiani, che viene celebrata da oltre un secolo, Benedetto XI° si è rivolto ai fedeli esortandoli alla preghiera e alla promozione dell’unità  dei cristiani, invitandoli a testimoniare la fede in Cristo. Da tempo Rossella Sardegna e Antonio Vizza sono impegnati nella danza sacra, con iniziative promosse anche al di fuori della realtà  parrocchiale. Tra queste la rappresentazione della vita di Santa Rita da Cascia e quella di Padre Pio in programma prossimamente.

Gaspare Stumpo

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com