Grimaldi, chiude lo sportello della Ubi Carime

IL 14 FEBBRAIO prossimo inizierà  la procedura di chiusura dello sportello Ubi Carime di Grimaldi, che sarà  definitiva il giorno 24 dello stesso mese. Lo ha reso noto il sindaco del luogo, Giovanni Notarianne, al termine di un incontro pubblico che ha segnato la partecipazione di numerosi amministratori e cittadini. Tra di loro anche i sindaci di Altilia, Belsito e Malito. “Si tratta – ha spiegato Notarianne – di un fatto grave che penalizza la rete dei servizi locali danneggiando imprenditori, artigiani, operatori commercianti ma soprattutto anziani e fasce sociali più deboli”. Il sindaco (nella foto) ha annunciato la convocazione di un Consiglio comunale straordinario alla presenza delle istituzioni territoriali per discutere della vicenda e sollecitare l’intervento del mondo politico. “Siamo rimasti soli ad affrontare problemi e bisogni che provengono dalla popolazione in particolare da quella meno abbiente. Dove sono i nostri parlamentari?”. Notarianne si è detto “amareggiato” per quanto sta avvenendo a Grimaldi e per quello che potrebbe comportare la cessazione del servizio rispetto alle esigenze della fascia grimaldese che comprende i comuni di Altilia, Belsito, Malito e Grimaldi. Una situazione che costringerà  l’utenza zonale a rivolgersi allo sportello di Rogliano, con costi aggiuntivi per imprese e famiglie in tempi non facili a causa della crisi economica. Il primo cittadino ha fatto sapere quindi che scriverà  una lettera alla Direzione generale della Carime e agli stessi parlamentari eletti nel collegio del Savuto, per comunicare lo stato di progressivo depauperamento del Savuto in materia di servizi a svantaggio, purtroppo, della qualità  della vita dei residenti.


Gaspare Stumpo

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com