Gallo: ´un ospedale smontato pezzo dopo pezzo”

“LO STANNO smontando pezzo per pezzo”. Lo afferma il sindaco Giuseppe Gallo (nella foto) in una nota di ieri, l’ennesima sull’ormai lunga vertenza. Per il ‘S. Barbara’ non c’è pace. Non passa giorno, infatti, che non si registrano novità  e polemiche, soprattutto dopo la presentazione della piattaforma di riorganizzazione della struttura. Riconvertito il Pronto soccorso, chiuso il reparto di Chirurgia generale, trasferito il servizio di Farmacia, di un nosocomio che ha conosciuto una stagione straordinaria sul piano professionale e su quello dei risultati, oggi rimane ben poco. Uno scenario desolante rispetto alla operatività  degli anni scorsi. Basta osservare corridoi e stanze dell’ex blocco chirurgico per rendersi conto che tutto è cambiato, che probabilmente non sarà  più l’ospedale di prima. Il trasferimento del servizio di Farmacia e il quasi certo spostamento degli uffici di Direzione sanitaria e dell’area di pertinenza del 118, non fanno altro che alimentare dubbi e discussioni sul processo di riconversione dello stabilimento. Ancora una volta il sindaco di Rogliano usa toni durissimi: “non ho altro modo – scrive – per classificare quanto sta avvenendo al ‘S. Barbara’ se non con la parola vergogna. Qui non si ha rispetto più di nessuno e la dignità  delle nostre popolazioni e dei cittadini è calpestata senza ritegno. Quando sta emergendo con la chiusura della Farmacia è di una gravità  inaudita”. Per Gallo “è chiaro oramai che si sta smontando il ‘S. Barbara’ pezzetto per pezzetto per portarlo alla chiusura. Però è inaccettabile e cinico – sottolinea il sindaco – che si privi una struttura sanitaria dei farmaci mettendo a rischio la salute dei cittadini ed anche l’operato dei sanitari, quando invece all’interno dell’ospedale ci sono spazi sufficienti non solo per la farmacia ma anche per il resto degli uffici”. Il primo cittadino torna anche sulla querelle legata alla richiesta di farmaci, che nelle scorse ha segnato una dura presa di posizione da parte della Uil tramite il sindacalista Antonio Pascuzzo. “Da quando appreso – dichiara Gallo – pare che addirittura la seduta operatoria di giovedì scorso inerente gli interventi ortopedici sia saltata per mancanza di farmaci e grosse difficoltà  si registrano sulle attività  del reparto Dialisi”.“Tutto questo è insopportabile alla luce, pure, delle roboanti promesse fatte che gridano all’ennesima presa in giro. Il sottoscritto – conclude il sindaco – come sempre sarà  in prima linea a sostegno delle popolazioni e dei comitati civici che in queste ore stanno denunciando queste vergogne e organizzando nuove proteste”.

G. St.

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com