Il comitato ‘pro Ospedale’ invita alla mobilitazione

IL COMITATO pro ospedale ha rivolto un nuovo appello alle comunità  della vallata affinché protestino in massa contro il ridimensionamento del nosocomio e la politica del governatore Giuseppe Scopelliti reo, attraverso la gestione della sanità  cosentina, di essere ostile “alle più legittime istanze della popolazione di Rogliano e del Savuto, che, invano, rivendicano il diritto alla salute”. Ieri il comitato ha parlato di “scandalo” ed ha criticato nuovamente i contenuti dell’intervento del direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, Paolo Maria Gangemi, avvenuto nei giorni scorsi a Rogliano. “Come ha scritto il Corriere della Sera ed altre testate nazionali – si legge in una nota – costoro intendono smantellare un ospedale appena ristrutturato, l’unico a norma, con una spesa di oltre 10 milioni di euro. Uno spreco inaudito”. Il gruppo ha evidenziato ancora una volta la situazione del Day surgery ed è tornato a stigmatizzare la chiusura del Pronto soccorso, del reparto di Chirurgia generale, del servizio Farmacia e lo spostamento degli uffici amministrativi all’interno dell’area nosocomiale. “Sono stati già  trasferiti nove infermieri, medici della Chirurgia e della Medicina, gli anestesisti e gli addetti alla Farmacia. Non si sa che fine farà  il 118”. Secondo gli interessati “stanno smontando pezzo per pezzo un ospedale che funzionava perfettamente”. Il Comitato ha preannunciato quindi una raccolta di firme come primo atto della nuova protesta. “Poi – hanno scritto i componenti – promuoveremo azioni più eclatanti per rivendicare il diritto di avere un nostro ospedale che, da ben trentacinque anni, dà  sicurezza alle nostre popolazioni”. (G. St.)

Nella foto: il professor Mario Mazzei, componente del comitato ‘pro Ospedale’.

 

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com