Altomare: “sul S. Barbara occorre impegno comune”

SINISTRA, Ecologia e Libertà  ha diffuso una nota con la quale ha commentato le dichiarazioni di ieri dei dirigenti del Partito delle Libertà  sulla vertenza del nosocomio cittadino. “Finalmente – hanno scritto gli interessati – il Pdl di Rogliano esce dal torpore che ne ha contraddistinto quest’ultimo anno e comincia a rendersi conto che sulla vicenda dell’ospedale c’è qualcosa che non quadra”. Prendendo atto delle critiche indirizzate alla Giunta Loiero il partito di Vendola ha fatto sapere che “fino a quando ha governato il centrosinistra, pur in una contingenza molto difficile, il S. Barbara ha continuato a svolgere la propria azione” e che oggi – invece – “le forze politiche che amministrano la Regione Calabria hanno deciso altro, depauperando e svilendo un presidio che per anni è stato un fiore all’occhiello della sanità  calabrese”. Riferendosi alle affermazioni del Partito delle Libertà  il circolo di Sel ha parlato di “una sorta di sfiducia sempre più conclamata da parte di ambienti politici del centrodestra cosentino nei confronti del direttore generale Gangemi, ai quali – si legge nel documento – i nostri, come sempre servili e chini, si associano”. Sinistra, Ecologia e Libertà  ha posto l’accento quindi sull’impegno del consigliere regionale Ferdinando Aiello in difesa dell’ospedale. “Continueremo a batterci a sostegno del S. Barbara dando fin da ora piena e incondizionata disponibilità  ad una battaglia unitaria così per come ci viene richiesto, convinti come siamo – hanno concluso da Sel – che certe battaglie vanno oltre il colore politico”. Sulla stessa questione è intervenuto anche il vice sindaco Giovanni Altomare (nella foto), per il quale è auspicabile che “tutte le forze politiche e ogni altra componente più rappresentativa della Comunità , si ritrovino impegnati su un comune obiettivo che riguarda tutti i cittadini di Rogliano e del Savuto e che investe direttamente la qualità  della vita in questo nostro comprensorio”. “Rafforzare la rivendicazione di tutela del presidio – ha spiegato Altomare – significa perseguire un obiettivo che va oltre Rogliano e che, più complessivamente, riguarda il ripristino della efficienza dell’intera rete ospedaliera aziendale e provinciale, attualmente disastrata, e questo pur nel rispetto dei parametri fissati dal Piano di rientro sul contenimento della spesa sanitaria”. “Più volte – ha fatto sapere l’amministratore roglianese – il Pdl è stato sollecitato in questo senso e non possiamo che accogliere con favore tale disponibilità , che chiaramente deve suonare come massimo impegno del centrodestra in direzione della salvaguardia e del rilancio del presidio”.

G. St.

 

Su Il Quotidiano della Calabria ogni giorno notizie e curiosità  dal Savuto

***

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com