Disordini nel Centro di accoglienza di Rogliano

SI E’ CONCLUSA senza gravi conseguenze, fortunatamente, la protesta degli ospiti del Centro di Accoglienza di Rogliano, in provincia di Cosenza. Per oltre dieci ore un gruppo di profughi ha tenuto sotto scacco il responsabile della Cooperativa che gestisce la struttura. La nuova presa di posizione è scaturita dalla mancata monetizzazione del ticket money: gli immigrati hanno rivendicato le spettanze pregresse. E ciò sulla scorta di quanto stabilito durante gli incontri seguiti alle manifestazioni dei mesi scorsi. Per tutta la giornata di ieri (11.07.2012, nda) il C.a.r.a. (nella foto) è stato presidiato da Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, personale del Corpo Forestale dello Stato e della Polizia Municipale. In località  ‘Manche’ è giunto anche il comandante provinciale dei Carabinieri, Francesco Ferace. Presenti, tra gli altri, il sindaco ed il vice sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo e Giovanni Altomare. Nel Centro di Accoglienza del Savuto sono presenti, attualmente, un centinaio di immigrati provenienti da Mali, Niger, Ghana, Guinea, Liberia, Senegal, Nigeria, Libia, Egitto, Etiopia, Somalia, molti dei quali reduci dalla drammatica esperienza a bordo di un barcone in avaria nel Canale di Sicilia costata la vita, il 4 agosto 2011, a decine di magrebini. Alcuni di loro, ricordiamo, hanno già  ottenuto il permesso di soggiorno, una buona parte di extracomunitari rimane legata al buon esito della documentazione inoltrata per l’ottenimento dello status di rifugiato. Una situazione non certo facile sia per l’aspetto burocratico che per quello economico (alla Cooperativa non sarebbero stati trasferiti fondi dal novembre 2011), comune ad altri Centri istituiti in Calabria a seguito dell’emergenza umanitaria. La protesta, che ha registrato momenti di tensione con l’aggressione ad un fotografo e alcuni danni agli arredi dello stabile, si è conclusa in serata. La problematica sarà  ridiscussa in sede istituzionale ma l’attenzione sulla vicenda resta alta.

Gaspare Stumpo

 

Leggi anche i fatti precedenti:

 

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com