L’Apei lancia un preoccupato allarme al mondo delle professioni educative

L’ASSOCIAZIONE Educatori e Pedagogisti (www.apei.it) lancia un preoccupato allarme al mondo delle professioni educative che in questi ultimi decenni, ha visto un pericoloso arretramento culturale e che ha causato l’esplodere degli approcci clinici-farmacologici. Tale approccio ha già  causato disastrosi danni esistenziali alla “Medication Generation” americana. Siamo ancora in tempo per educare i nostri giovani ad utilizzare le loro risorse personali per affrontare i problemi che la vita ci pone davanti, magari con genitori educati ad educarli, con una scuola che ritorni all’Uomo e ad i suoi valori, e non alle tre I. Una società  che educa ai valori costitutivi della stesa, alla ricerca del bene collettivo, alla sobrietà  delle scelte, eviterebbe il falso mito della pillola che danno la felicità . I nostri giovano non sono malati, depressi, iperattivi e disattenti!! Sono semplicemente giovani e vanno rispettati in tutte le loro fasi evolutive, vanno educati con la scienza che è loro propria: la PEDAGOGIA. Occorre che gli educatori tornino nelle strade, nelle scuole, nella famiglia, nei servizi. Troppo spesso sono sostituiti da operatori con le più inadatte qualifiche, come psicologi e/o assistenti sociali, o peggio O.S. non meglio qualificati. Eliminare la Pedagogia e il lungo e faticoso lavoro educativo, significa non solo scegliere di consegnare i nostri figli in mano alle multinazionali del farmaco, ma soprattutto renderli farmaco-dipendenti e diseducati ai conflitti, all’affettività , alle relazioni umane e alla famiglia.

Fonte: Apei.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com