Inaugurata la nuova cantina di ‘Antiche Vigne’

CINQUE ettari di terreno in località  ‘Vallelonga’ – la maggior parte sistemati a vigneto con diverse varietà  di vitigni dalle cui uve si ricavano quattro differenti qualità  di vini (tre Doc e un Igt): Savuto Rosso Classico, Savuto Rosso Superiore, Rosato Gida e Bianco Terre di Ginestra. “La nostra Azienda punta sulla qualità . La lavorazione delle uve – spiega Gianfranco Pironti – viene eseguita con tecniche di ultima generazione che consentono una vinificazione naturale, controllata, dalla quale si ottiene un prodotto in linea con la Tradizione e le tendenze di Mercato”. Stiamo parlando di ‘Antiche Vigne’ – realtà  nata nel 2004 con l’obiettivo di occupare una nicchia importante nel settore vitivinicolo regionale e nazionale, coniugando storia e innovazione, qualità  e competitività . Il successo pieno è arrivato nel 2009 con il Savuto Rosso Superiore, miglior vino calabrese dell’anno. L’Azienda vanta, nel suo complesso, una proprietà  di  circa 19 ettari di cui undici a superficie vitata (Pecorello – Greco Nero – Arvino – Malvasia – Magliocco – Mantonico) ubicata nei comuni di Rogliano, Marzi, Carpanzano, Grimaldi e Altilia, nel cuore dell’Alto Savuto, riconosciuti come località  Doc, ad un’altitudine compresa tra i 450 e gli 800 metri, con caratteristiche morfologiche e microclima ideali per il tipo di allevamento vegetale. Il prodotto, che si trova sulla Guida Enogea, ha partecipato con successo al Vinitaly ma anche alla Borsa Internazionale del Turismo (Bit) e a diversi concorsi enologici. Un Marchio, dunque, capace di garantire assoluto prestigio al territorio. Nei giorni scorsi ‘Antiche Vigne’ ha inaugurato la nuova cantina in contrada ‘Vallelonga’ – nell’area Rogliano/Marzi. Un progetto interessante, frutto di un investimento di tutto rispetto, che ha consentito al giovane imprenditore Pironti di realizzare un autentico gioiello per la trasformazione delle uve, l’imbottigliamento e la conservazione del prodotto finale. Una struttura a temperatura controllata, progettata da AGIF Engineering Srl secondo criteri di sostenibilità  ambientale, completa di zona degustazione e servizi che dovrebbe essere ultimata (per come da progetto) già  nei prossimi mesi. L’evento, che si è arricchito di una mostra dal titolo ‘Quando il vino incontra l’arte’ a cura della Galleria ‘Claudia Sirangelo’ – ha previsto, oltre alla   presentazione dell’Azienda, una passeggiata tra i vigneti, degustazioni guidate con percorso enogastronomico e un momento musicale con il duo Rosa Antonuccio (voce) e Romeo Lombardi (pianoforte). L’avvenimento (sopra, nella foto) è stato salutato con soddisfazione da amministratori locali, esperti ed appassionati di settore, per il ruolo economico e culturale che ‘Antiche Vigne’ è chiamata a recitare nella Valle del Savuto e in provincia di Cosenza. Il Doc Savuto, ricordiamo, è un vino noto sin dall’antichità , di colore rosso rubino, dal sapore pieno e caratteristico (gradazione minima 12°), che può portare in etichetta la qualificazione ‘Superiore’ dopo un periodo di invecchiamento – obbligatorio – di due anni. 

Gaspare Stumpo

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com