L’ASP di Cosenza definisce la Rete ospedaliera e territoriale

IN RIFERIMENTO alle notizie che da diversi giorni si rincorrono sulla stampa relative alla nuova organizzazione della Rete Ospedaliera e Territoriale dell’ASP di Cosenza si fa presente che è stato deliberato il nuovo Atto Aziendale che ha recepito le modifiche previste dalle nuove Linee Guida Regionali dopo essere stato sottoposto all’attenzione delle Organizzazioni Sindacali.

In particolare per la Rete Ospedaliera prioritariamente è necessario stabilire che obiettivo dell’ASP di Cosenza è di organizzare l’attività  sanitaria Ospedaliera secondo principi di efficienza e di efficacia e con l’obbligo di garantire la massima sicurezza agli Operatori Sanitari ed ai Pazienti. Abbiamo l’obbligo di dare risposte appropriate ai bisogni di cittadini i quali non hanno alcun interesse a portare avanti campagne di campanile o finalizzate a tutelare interessi personali.

Entro il mese di settembre si realizzerà  la nuova organizzazione degli Ospedali Spoke ed in particolare:

– per lo Spoke Paola-Cetraro grazie alla collaborazione concreta del Sindaco di Paola si sta provvedendo alla definizione delle procedure per lo spostamento di tutte le attività  Distrettuali, collocate in una grave situazione di emergenza a seguito dell’intervento dei NAS presso il Presidio di Paola, in una nuova Struttura del Comune di Paola idonea e facilmente accessibile. Inoltre la postazione di Guardia Medica insieme al 118 verrà  ricollocata nell’Area Ospedaliera per come previsto dal Decreto Regionale sull’Emergenza/Urgenza, mentre si organizzerà  il Pronto Soccorso con maggiori spazi e con un Area dedicata all’Osservazione Breve. Per quanto riguarda le attività  Ospedaliere si sta provvedendo ad attivare i Posti Letto di Cardiologia e Unità  Coronarica a Paola per come previsto dal decreto 106/2012 oltre ai Posti Letto di Medicina, Ortopedia, Chirurgia ed Oncologia, mentre nel P.O. di Cetraro a giorni verranno consegnati i lavori del nuovo Blocco Parto e verranno attivati i Posti Letto di Lungodegenza e di Area Funzionale Medica oltre al mantenimento del Servizio di Cardiologia 24 ore su 24 ed all’attività  di Chirurgia, Urologia, Ostetricia-Ginecologia, Pediatria e Neonatologia, Psichiatria e Rianimazione.


– per lo Spoke Corigliano-Rossano si sta provvedendo ad adeguare con una minima spesa di circa 20.000,00 Euro la sala Operatoria dell’Ospedale di Rossano all’attività  operatoria di Ortopedia al fine di completare le procedure di definizione ed assegnazione dei Posti Letto per come previsto dal Decreto 106/2012 e dal nuovo atto aziendale in cui sono previsti per lo Spoke Corigliano-Rossano N°295 Posti Letto con la nuova individuazione anche della Struttura Complessa di Urologia e Lungodegenza/Riabilitazione Intensiva oltre a quelle di Medicina, Chirurgia, ORL, Oculistica, Oncologia, Ostetricia-Ginecologia, Ortopedia, Neurologia, Nefrologia, Pediatria e Neonatologia, Psichiatria, Rianimazione, Laboratorio Analisi, Radiologia, Centro Trasfusionale, Cardiologia e UTIC.

– per lo Spoke di Castrovillari si sta procedendo alla attivazione delle nuove sale operatorie ed all’aumento dei Posti Letto per come previsto dal Decreto 106/2012 oltre al rafforzamento delle attività  dell’Emodinamica e delle attività  Chirurgiche anche con l’arrivo del nuovo Direttore della Chirurgia Dr. Guarino.


– Nelle  Casa della Salute di Praia a Mare e Trebisacce verranno attivate anche i Posti Letto di Lungodegenza previsti dal Decreto 106/2012 oltre a quelli di RSA medicalizzata già  attivi.   
 
E’ opportuno precisare che l’organizzazione dell’Ospedale Spoke Corigliano-Rossano è del tutto temporanea e provvisoria nelle more della prossima realizzazione del nuovo Ospedale della Sibaritide ormai in fase di definizione con gli ultimi provvedimenti governativi.
Sicuramente si dovrà  rispettare quanto previsto dal Decreto 18/2010 e dal Decreto 106/2010 in cui si afferma che non può essere alterato il numero complessivo delle Unità  Operative Complesse Cliniche , non si possono avere duplicazioni di Unità  Operative, può essere rimodulata  per esigenze funzionali e di sicurezza la distribuzione delle Unità  operative nei  Presidi,  non possono essere istituiti Punti Nascita in Presidi ospedalieri in cui essi non sono stati previsti.

Certamente è necessario tenere conto della particolare situazione economica-finanziaria presente a livello nazionale e regionale, nonché della necessità  per l’ASP di Cosenza di dover ridurre  il Deficit dagli 82 milioni del 2011 a meno di 50 milioni previsti necessariamente in base alle indicazione regionali per l’anno 2012. Per tale motivo è essenziale la collaborazione di tutte le Istituzioni  Locali, delle Organizzazioni Politiche e Sindacali, nonché di tutti i Cittadini per i quali stiamo cercando di dare risposta ai loro bisogni nei modi più appropriati.

L’ASP di Cosenza ha provveduto da tempo ad avviare le procedure per acquisire nuove tecnologie in quanto sono in dotazione attrezzature ormai obsolete con notevoli difficoltà  di utilizzo in quanto negli anni passati si è pensato poco alla tecnologia e molto all’assunzione di personale poco qualificato e probabilmente non del tutto indispensabile. Infatti il 4 settembre verrà  aggiudicata  la gara di acquisto di N°2 Ecocardiografi, N°3 Ecografi Multidisciplinari di Alta Fascia e N° 5 Ecografi Portatili ed in tal modo verranno risolti i gravi problemi degli Ospedali Spoke di Corigliano-Rossano e di Cetraro-Paola. Inoltre l’ASP di Cosenza ha aderito alla Convenzione CONSIP per l’acquisto di N° 8 TAC e N°5 Risonanze Magnetiche che verranno allocate negli Ospedali Spoke , negli Ospedali di Montagna e nelle Strutture Territoriali e che dovrebbe definirsi nel mese di settembre.

Con la definizione del nuovo Atto Aziendale l’ASP di Cosenza finalmente avrà  un assetto organizzativo ben definito in quanto dopo l’accorpamento delle quattro Aziende Sanitarie avvenuto nel 2007 , finora, non si era mai realizzato un atto aziendale unico per tutta l’Azienda con la conseguente grave disorganizzazione che si è avuta in questi anni e che con grande sforzo si sta cercando di modificare con un utilizzo razionale delle risorse disponibili.


In questi giorni è stata definita con i Medici di famiglia la procedura per l’attivazione dei Nuclei delle Cure Primarie per cui entro 60 giorni gli stessi dovranno attivare le strutture che permetteranno di migliorare l’assistenza territoriale con l’espletamento dei codici bianchi e la gestione delle Patologie Croniche secondo Percorsi Diagnostico-Terapeutici stabiliti dalle Società  Scientifiche. 
 
Fonte: ASP Cosenza, Direzione Generale.

Nella foto, in primo piano a sinistra: il Direttore Generale dell’ASP di Cosenza Gianfranco Scarpelli.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com