Presentato a Colosimi il libro di Gessyca Golia

Per “Incontro con l’autore” organizzato dalla Pro Loco e patrocinato dall’Amministrazione comunale è stato presentato in Piazza Plebiscito il libro “Epidemia di sonno” di Gessyca Golia, Cicorivolta edizioni. All’incontro (nella foto) coordinato da Pasquale Taverna, oltre alla giovanissima autrice sono intervenuti: Tiziana Costanzo, presidente della Pro Loco, il sindaco Raffaele Rizzuto, la professoressa Giuliana Pugliano, Leonardo Falbo scrittore, l’ex primo cittadino di Colosimi Anna Aurora Colosimo e Mimmo Talarico, consigliere regionale. Un pomeriggio straordinario, una platea numerosa e attenta ha accolto con enfasi e affetto la concittadina Gessyca Golia, che da sei anni vive e lavora a Milano e l’estate ritorna nel paese natio. Prima del romanzo “Epidemia di sonno” l’autrice colosimara ha pubblicato il racconto “Alba gialla” nella raccolta di racconti “Scrivimi di questo tempo” (EdiLet). Dopo i saluti della presidente Costanzo e del primo cittadino Rizzuto che ha raccomandato la lettura ai giovani, la Pugliano ha esposto con diverse sottolineature letterarie alcuni aspetti del romanzo. Ambientato in una metropoli come tante, di un Paese come tanti chiamato Bel Paese, Maria rientra a casa dopo una giornata di lavoro. Dovrebbe essere una serata come le altre, invece una strana epidemia si abbatte sulla città . Come si è originata? Quali gli anticorpi? Quale il "vaccino"? Le risposte sono concentrate nell’arco di ventiquattr’ore. Una storia coinvolgente, una metafora del “sonno della ragione” in cui è caduta la società  contemporanea. Un romanzo coinvolgente nel quale ci si può ritrovare il giovane del Sud e gli sfigati del Nord, gli immigrati ecc. perché tante sono le riflessioni che tormentano l’autore.  Appassionata l’analisi di Falbo, che si è calato nel racconto ritrovandoci molte delle sue convinzioni e ide. Un libro per tutti quelli che sperano e vogliono un mondo migliore, più giusto e onesto nel quale tutti possono trovare posto in base alle competenze e non per privilegi. Per Anna Aurora Colosimo, la lettura del libro tra l’altro è stata un approccio emozionale, colpita dai personaggi, dalla capacità  descrittiva e dalla sensibilità  umana dell’autore. La lettura politica del testo è stata tratta dall’onorevole Talarico, che ha detto “il testo si presta a diverse lettere” e sottolineato che potrebbe essere adottato come “manifesto politico per un partito”. Un libro “denuncia” ha concluso Talarico che tutti devono leggere. Infine, l’intervento di Gessyca Golia, visibilmente emozionata per gli apprezzamenti rivolti, ha deliziato e soddisfatto il pubblico delle grandi occasioni che, per oltre due ore ha seguito con interessate il dibattito.

Fonte: Il Quotidiano della Calabria.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com