Applausi per ‘Diario di un precario sentimentale’

E’ STATO presentato – presso il giardino della Casa delle Culture di Rogliano – il volume di Maria Antonia (Antonella) Fama dal titolo ‘Diario di un precario sentimentale’ (Collana Arte e Lavoro). Il libro racconta la storia di Assunta Buonavolontà , brillante laureata destinata al successo, che si trasforma in un’aspirante attrice in cerca di occupazione, in (continuo) equilibrio precario tra un provino e un colloquio di lavoro, un’agenzia interinale e un centro per l’impiego. Una sorta di autobiografia ispirata al romanzo di Luìs Sepulveda (Diario di un killer sentimentale), nata come radiodramma nel 2009 sulle frequenze di Radio Articolo 1 e approdata con successo – qualche mese più tardi – su Radio 3. Inserita nel programma ‘Estate e Cultura a Rogliano’ – l’iniziativa dei giorni scorsi ha segnato la presenza di intellettuali e rappresentanti del mondo della scuola. “Una occasione importante. Che abbiamo voluto – ha sottolineato l’assessore alla Cultura, Antonio Simarco – perché Antonella è una roglianese doc e perché il contenuto del suo libro non è altro che un grido di dolore – sul quale riflettere – rispetto al problema del lavoro e del precariato”. Simarco ha elogiato l’impegno e le capacità  della giovane autrice parlando di “pagine d’arte”. Il testo è stato "sviscerato e commentato" dal professor Eugenio Maria Gallo, che si è soffermato su passaggi importanti e sulla stessa ironia che pervade il racconto, ricavandone analogie circa gli impegni e le speranze di tanti giovani che al pari della protagonista (Assunta) hanno studiato, sognato, si sono dati da fare e, delusi, hanno smesso di cercare. “Assunta – ha spiegato Gallo – è un paradigma della vita. Soprattutto della vita odierna”. L’evento si è arricchito di un monologo tratto dall’audio-libro (da parte dell’autrice) che ha prodotto applausi scroscianti e commenti positivi fra gli astanti. Antonella Fama è una scrittrice di talento della quale sentiremo parlare. Un’artista capace di scrivere e recitare con grande naturalezza perchè supportata da doti innate, capacità  di rapportarsi e un bagaglio culturale straordinario. ‘Diario di un precario sentimentale’ si trova in edicola. E’ un libro da compare, leggere e collocare in biblioteca. Nel 2010, ricordiamo, il radiodramma collegato alla pubblicazione ha vinto il premio Massimo Billi come migliore format proposto nella trasmissione «Il Cantiere di Radio 3».


Gaspare Stumpo


Nella foto: Antonella Fama in  ‘Diario di un precario sentimentale’. Alla sua destra l’assessore Simarco e il professor Eugenio Maria Gallo.


Clicca e leggi la recensione di ‘Diario di un precario sentimentale’
 

***

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com