Iaconetti (Fare Ambiente): “le parole del ministro Clini ci confortano”

IL MINISTRO Clini rende giustizia al nostro mare e ridimensiona fortemente le velleità  scientifiche di Goletta Verde, è quanto afferma Antonio Iaconetti, coordinatore regionale di Fare Ambiente.

Il Ministro, intervenendo alla Camera dei Deputati, durante il Question time ha chiaramente affermato che le procedure di monitoraggio esercitate da Goletta Verde sullo stato di inquinamento del mare sono avvenute “sulla base di procedure e di standard che non sono quelli stabiliti dalla legge e dunque non possono essere assunti come dati di riferimento per la valutazione dello stato del mare”.

"Le parole del Ministro ci confortano e rendono giustizia al nostro mare e a quanti, sin da subito, hanno contestato, anche aspramente i metodi e la pretesa validità  scientificità  dei prelievi effettuati da Goletta Verde. E’ innegabile, prosegue Iaconetti, che sul alcuni siti ben individuati delle nostre coste ci sono punti critici, dovuti al malfunzionamento di alcuni depuratori costieri e di scarichi abusivi che sversano direttamente nei corsi d’acqua, così come evidenziato, da ultimo, dalle indagini della Procura di Paola. Ma da qui a bollare il mare della nostra Calabria come il più inquinato d’Italia sembra un po’ eccessivo. Abbiamo davanti un periodo abbastanza lungo, dice Iaconetti,  per intervenire sulla  depurazione calabrese iniziando sin da subito a chiedere conto ai Sindaci di come siano stati spesi i soldi assegnati dalla regione proprio per il miglioramento del funzionamento dei depuratori e, la dove questi non siano stati impiegati, chiediamo che il Presidente Scopelliti a mente del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Codice sull’Ambiente) adotti, senza ulteriore ritardo,  la procedura di intervento sostitutivo dei poteri, al fine di scongiurare problemi ambientali".

Cosenza, 05.09.2012

Fonte: Coordinamento Regionale Fare Ambiente.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com