Ecco la ‘Prima casetta dell’acqua alcalina ionizzata’

OTTOMILA litri di acqua prelevati in dieci giorni, 5000 bottiglie di plastica in meno, tanto entusiasmo (e curiosità ) intorno alla ‘Casetta dell’acqua’. La prima in Europa per quanto riguarda il processo di ionizzazione, la seconda al mondo dopo quella di Santa Monica, negli U.s.A.. “Abbiamo pensato ad un progetto capace di migliorare la qualità  della vita partendo dalla riduzione dei rifiuti”. Il sindaco di Marzi, Rodolfo Aiello, è raggiante durante il convegno di presentazione (nella foto) seguito alla inaugurazione ufficiale dello speciale dispenser di acqua purificata (fredda e gassata) e alcalina ionizzata collocato nello spazio attiguo al palazzo municipale, in via Nazionale. “Riteniamo di aver concretizzato un qualcosa di innovativo che – spiega il primo cittadino – consentirà  di apportare benefici alla popolazione e all’ambiente perché l’acqua è più pura, ricca di proprietà  antiossidanti e a chilometro zero”. Realizzata con fondi comunali – la ‘Prima casetta dell’acqua alcalina ionizzata’ permette all’utenza di scegliere tra acqua naturale (o gassata) microfiltrata e acqua alcalina ionizzata mediante un meccanismo di prelievo che appare alla portata di tutti. Il costo della prima è di 5 centesimi (di euro) al litro, di 50 centesimi (al litro) quello della seconda. Implementata con criteri eco-sostenibili, la struttura è composta da un impianto di microfiltrazione e ionizzazione dell’acqua proveniente dall’acquedotto comunale. Secondo gli esperti l’acqua alcalina ionizzata aiuta ad eliminare le scorie e ad incrementare il benessere psico-fisico favorendo la prevenzione di alcune patologie. All’evento di Marzi hanno partecipato amministratori locali, rappresentanti delle istituzioni, esperti di settore e moltissimi cittadini. Presenti, tra gli altri, i consiglieri regionali Ferdinando Aiello, Giampaolo Chiappetta e il vice presidente della Provincia di Cosenza, Mimmo Bevacqua. “Iniziative del genere devono far riflettere perché – ha fatto sapere quest’ultimo – sono il segno che l’Amministrazione Aiello è capace di guardare avanti”. Bevacqua ha elogiato il lavoro della Giunta marzese parlando di “intuizione e lungimiranza”. Parole di stima sono arrivate anche da Giampaolo Chiappetta, per il quale la ‘Prima casetta dell’acqua alcalina ionizzata’ rappresenta “una operazione intelligente che pone al centro l’operatività  di una piccola Amministrazione che è da considerarsi un modello da esportare”. “Si tratta – ha affermato il politico cosentino – di una rivoluzione economica, alimentare e culturale”. Nel corso del dibattito sono intervenuti pure il dottor Candito, specialista in Nefrologia, che ha fornito dati tecnici sull’acqua alcalina ionizzata soffermandosi sulle proprietà  dell’acqua “viva” e sull’equilibrio acido/basico nell’organismo. E Ivan Pappaianni, che ha parlato dell’Aurora D’Agostino, azienda che dal 1980 realizza sistemi per la erogazione e la microfiltrazione dell’acqua potabile per scopi alimentari. La stessa azienda che ha costruito l’impianto di Marzi. L’Italia, ricordiamo, è al terzo posto nel Mondo per consumo di acque minerali dopo Stati Uniti d’America ed Emirati Arabi. Un business enorme. Il convegno è terminato con la proiezione di un video e con l’intervento di Ferdinando Aiello. Il consigliere regionale ha posto l’accento sulle proposte di legge relative alla istituzione del Parco Fluviale del Savuto e  alla gestione dell’acqua in Calabria. “Il privato ha fallito, occorre – ha detto – un nuovo modello di sviluppo. Che in questi due ambiti non è quello delle multinazionali”. “E’ opportuno – ha concluso Aiello – pensare ad un ritorno alla gestione pubblica nei settori dell’acqua e dei rifiuti, con programmi innovativi e di buon governo come quelli avviati a Marzi”. 

Gaspare Stumpo

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com