Grimaldi, conclusa la VI^ edizione di ‘Tornare@Itaca’

SI E’ CONCLUSO l’evento artistico-culturale ideato dalla critica d’arte Mimma Pasqua per conto dell’Amministrazione comunale di Grimaldi e con la collaborazione di Vertigo-Arte e  Pro Loco. Giunta alla VI^ edizione, la rassegna “Attraverso il tempo e lo spazio. Viaggio dalla Calabria alla Lombardia alla ricerca degli artisti emergenti negli ultimi 30 anni” – si è articolata in tre serate. La prima ha dato il via ad una mostra nel palazzo municipale, che da metà  settembre proseguirà  presso il Museo Provinciale delle arti e dei Mestieri di Cosenza. Preannunciato in occasione del 150° anniversario dell’Unità  D’Italia, il secondo appuntamento è stato dedicato a Carlo Mileti, importante esponente del Risorgimento Grimaldese. La conferenza è stata promossa dal "Comitato Carlo Mileti per la valorizzazione della storia e delle tradizioni grimaldesi”. L’Auditorium ‘Madre Teresa di Calcutta’ ha ospitato, invece, l’ultima serata del "viaggio nel tempo" di tornare@itaca. Il 14 settembre scorso è stato rappresentato, infatti, il recital sull’emigrazione “Per terra e Per mare – i viaggi della fame” – curato dal Gruppottanta con la regia di Ennio Scalercio. La rappresentazione dedicata ai grimaldesi che si stabilirono in Canada agli inizi del ‘900 per opera del cavaliere Veltri, parla di un viaggio metaforico, attraverso la tecnica del linguaggio parallelo, di chi, emigrante, cercava speranza  rimanendo pur sempre nella propria schiavitù offerta senza cortesie da una borghesia avida di potere che prometteva illusioni beffarde! A conclusione dello spettacolo Mimma Pasqua ha voluto raccontare il "suo ritorno@Itaca del 2012". Dalla chiacchierata sono riemersi i punti (più importanti) toccati dalla rassegna: l’emigrazione, la memoria perduta, la dignità  atterrita dell’emigrante, la speranza delusa, la coscienza delle radici, il dolore di lasciare la propria terra, la terra di Calabria. “Tutti tornano a Itaca per dare un senso alla propria esistenza, per fare il riassunto delle puntate precedenti” Del  “viaggio” compiuto quest’anno ciò che sicuramente resterà  impresso è il laboratorio artistico con i bambini, tenutosi parallelo alla mostra. “La fantasia libera e originale dei ragazzi è molto più vicina all’arte contemporanea di quanto si possa immaginare. Questa è un’arte viscerale dell’inconscio, senza le censure della ragione e i bambini, con il loro approccio emozionale piuttosto che razionale, hanno la chiave per aprire la porta di questa dimensione umana, mentre gli adulti, quasi incapaci di sorprendersi, non la trovano, perché la cercano troppo”. 

Carmela Lepore

Nella foto: il centro storico di Grimaldi.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com