Valle del Savuto, contro la precarietà  “lotto per il 18”

GIOVEDI’ 7 novembre (2012, ndr) si è costituito anche nel Savuto il comitato referendario “lotto per il 18” che vuole ristabilire l’art.18, per riaffermare l’obbligo di reintegro di chi è stato ingiustamente licenziato, e cancellare l’art.8 del pacchetto Sacconi che permette di derogare ai contratti nazionali. Il Partito della Rifondazione Comunista, Italia dei Valori, Sinistra Ecologia e Libertà , la “CGIL che vogliamo” – l’Unicobas e semplici cittadini compongono il Comitato che si propone di costruire la campagna referendaria nel Savuto. Questa carovana contro la precarietà  partirà  domenica mattina (11 novembre 2012, con inizio alle ore i Villa a Rogliano, quando ci sarà  il primo banchetto di raccolta firme, per proseguire prossimamente in tutto il Savuto. L’avvento del govero Monti ha rappresentato un salto di qualità  nell’attacco frontale ai diritti dei lavoratori, pensionati, giovani e precari. Con  la scusa della crisi economica sono state approvate riforme drammaticamente epocali che liberalizzano i licenziamenti, allungano l’età  pensionabile e contribuiscono a generalizzare povertà  e precarietà . Dinanzi ad una classe politica irresponsabile e succube degli interessi di banchieri e speculatori invochiamo la partecipazione popolare, quella democrazia referendaria e diretta capace di mobilitare quella meravigliosa marea democratica che ha già  trascinato alla vittoria il referendum sull’acqua pubblica. Per dare un calcio alla precarietà , nel Savuto potrete trovare anche il referendum contro l’assurda riforma delle pensioni della ministra piangente Fornero e, per dare una risposta ai disoccupati e precari, l’iniziativa di legge popolare sul reddito garantito. Diamo un calcio alla precarietà  anche nel Savuto! Domenica mattina a Rogliano dacci la tua firma per riprenderti dal basso quello che ti tolgono dall’alto.

Fonte: Comitato referendario "lotto per il 18".

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com