“Coalizioni fallimentari, è giunta l’ora di rottamare” *

di Saverio DOMANICO *

LO TSUNAMI GRILLO il 25 e 26 febbraio 2013 ha colpito in pieno anche l’esito del voto della nostra Comunità . Colgo l’occasione e da queste colonne faccio un augurio sincero di buon lavoro al mio amico e collega Sebastiano Barbanti eletto alla Camera dei Deputati nel ‘Movimento 5 Stelle’. Premesso ciò voglio fare una breve riflessione sull’esito del voto. Da elettore libero di cento destra avevo bocciato l’azione di governo del Presidente Berlusconi aderendo a ‘Futuro e Libertà ‘ credendo in un progetto di idee nuove, di persone nuove niente di tutto ciò; infatti molto prima delle dimissioni in massa dei dirigenti provinciali avevo abbandonato il progetto che aveva come unico obiettivo un attacco non sull’azione politica di Berlusconi bensì solo attacchi di carattere personale cosa che assolutamente non condividevo e non condivido. Disgustato penso come tutti dalle cronache politiche degli scandali bipartisan che quotidianamente campeggiano su tutte le testate giornalistiche era in me un senso di rifiuto verso la politica. Sono stato indifferente fino all’ascesa in campo del Sindaco di Firenze Matteo RENZI nella competizione delle primarie del centro sinistra, creando sicuramente scalpore. In tanti mi chiedevano come un elettore di centro destra votasse un esponente di centro sinistra. Io con la massima umiltà  e libertà  di elettore spiegavo ai miei interlocutori che non guardavo la bandiera politica di RENZI bensì il progetto politico che prospettava per il futuro della Nazione. Sono sicuro come la maggior parte dei politologi con la candidatura di Matteo RENZI a Presidente del Consiglio non sprecavamo fiumi di inchiostro sul fenomeno Grillo e sulla resistenza di Berlusconi ma si parlava di una nuova ITALIA. Purtroppo non è così. Ci troviamo senza giri di parole un centro sinistra che ha perso, un centro destra confuso, tutti a seguire il fenomeno Grillo che ancora nessuno riesce a capire il suo orizzonte se non tanta demagogia. Quello che è successo non soltanto in campo nazionale ma anche locale su una bocciatura senza appello per la classe dirigente delle principali coalizioni senza dimenticare del tramonto del Montismo e dell’annullamento FINI. A questo punto debba essere sbandierato il termine “ROTTAMAZIONE” non come rifiuto verso le persone ma all’esaurirsi della loro azione politica.

* Comitato Matteo Renzi

 

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com