Geracitano: “Savuto critico rispetto a politica regionale”

“IL DATO politico nazionale è sotto gli occhi di tutti. Ciò che non ha funzionato è riconducibile ad una perdita progressiva della nostra identità  di Partito con l’appiattimento sulla impostazione politica di Monti”. E’ quanto ha detto Romolo Geracitano (nella foto) nel corso del Comitato regionale dell’UDC che si è svolto nei giorni scorsi a Lamezia Terme. A proposito delle recenti elezioni, infatti, l’esponente dell’Unione di Centro ha fatto sapere di aver condiviso l’analisi di Mario Tassone “che – ha spiegato lo stesso Geracitano – suggerisce come soluzione strategica la necessità  di riprenderci l’elettorato con il ritorno ai valori del Cattolicesimo Democratico di cui eravamo detentori”. Nel corso della discussione il dirigente UDC ha analizzato il risultato conseguito in Calabria e sul territorio nazionale, quindi, tra le altre cose – ha riportato  l’esperienza di militante impegnato nel comprensorio del Savuto e nell’area del Sud Cosentino – chiedendo alla Dirigenza di voltare pagina. “In tema di Sanità  – ha affermato Geracitano – dopo il mancato sviluppo industriale di Piano Lago, eravamo riusciti negli anni ad impostare e costruire una apprezzata nostra proposta politica di rilancio del presidio ospedaliero di Rogliano. Il ‘Santa Barbara’”. “Ma – ha aggiunto il dirigente centrista – soprattutto in tema di riorganizzazione della rete ospedaliera di Cosenza, più degli altri, eravamo riusciti attraverso battaglie di grande partecipazione e mobilitazione a far emergere l’inconcludenza e l’inaffidabilità  di una classe dirigente come quella del Governo Loiero, avvertendo le Comunità  del Savuto che le cose avrebbero avuto un corso diverso se fosse stato dato a noi, nelle elezioni regionali scorse, il compito di governare con Scopelliti presidente”. “Ebbene – ha proseguito Geracitano rivolgendosi anche Michele Trematerra – gli elettori ci hanno compreso, ci hanno visti, a differenza di un centro-sinistra parolaio, più determinati ed in grado di operare per il cambiamento, in grado di dare risposte adeguate e soluzioni di rilancio per la Sanità  ospedaliera ma, difronte a quell’elettorato che allora ci ha premiati, che ha avuto fiducia, che ha mostrato simpatia ed attenzione verso la nostra proposta politica, questo Governo regionale è riuscito a fare di peggio di quello precedente”.


Gaspare Stumpo

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com