Padre Costantino Scalzo ´uomo di profonda umanità ”

SI SONO tenuti a Rogliano, nella chiesa di San Domenico (il luogo della vocazione e della prima formazione) i funerali di Padre Costantino Scalzo, il frate francescano dell’Ordine dei Minori, venuto a mancare nei giorni scorsi. Qualche ora prima le esequie si erano svolte anche a Catanzaro (presenti gli arcivescovi Antonio Ciliberti e Antonio Cantisani), nella chiesa di sant’Antonio annessa al convento nel quale il religioso aveva trascorso gli ultimi anni della sua vita. Padre Costantino (al secolo Luigi Scalzo) era nato a Rogliano, in Corso Umberto, nell’abitazione di propietà  della famiglia, all’alba del 25 febbraio 1921 da Pietro Giovanni Scalzo e Francesca Domanico. Sin da piccolo aveva manifestato la volontà  di consacrarsi a Dio tant’è che, dopo le scuole elementari aveva scelto di entrare nel seminario di Pietrafitta (1933) accedendo – nel 1938 – al convento di Mesoraca per l’anno di Noviziato. Emessa la professione solenne (Tropea, 1945), era stato ordinato sacerdote il 25 luglio 1948. Uomo dal comportamento sobrio e disponibile, era molto legato alla vita monastica ma non disdegnava di dedicarsi agli affetti tornando nella città  natale dove, almeno due volte all’anno, la sua presenza era considerata quasi come un avvenimento. Nonostante la riservatezza, però, non era difficile scorgerlo durante le sue lunghe passeggiate o incontrarlo presso la cappella delle Suore Canossiane, dove amava celebrare l’Eucarestia. Arrivava in auto e dopo alcuni giorni ripartiva rigenerato per la Missione. Durante il ministero sacerdotale si era distinto come insegnante di Religione, nelle attività  di parrocchia, in quelle socio-assistenziali e culturali. In occasione dei funerali i confratelli ne hanno sottolineato l’entusiasmo e la intraprendenza per gli uffici ecclesiastici e civili, ma anche per l’assistenza spirituale e sacramentaria in favore dei fedeli e degli ammalati. “Encomiabile – scrivono i monaci – nonostante l’età  avanzata, il servizio religioso presso la clinica ‘Villa Serena’ dove tra l’altro visitava i non pochi degenti cui offriva con abnegazione assistenza spirituale e sacramentaria”. Padre Costantino ha dedicato la sua vita a Dio e ai più sfortunati passando nei conventi di Cosenza, Pietrafitta, Crotone, Mesoraca e Catanzaro. Si è spento all’età  di 92 anni, dopo 68 anni di professione e 65 di sacerdozio. Il rito funebre (presenti i familiari e tantissimi conoscenti) è stata concelebrato dai sacerdoti don Antonio Bartucci, don Santo Borrelli, don Enzo Gabrieli, don Gino Culizia e dai padri Umberto Papaleo, Mariano Laganà , Eugenio Clemente, Francesco Caloiero e Antonio Martello.  Il corpo del frate riposa nel cimitero di Rogliano.


Gaspare Stumpo


Nella foto:
padre Costantino Scalzo (al centro, seduto) assieme ad alcuni confratelli nel giorno del suo 90° compleanno.

Data: 13 aprile 2013.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com