Enza Bruno Bossio: “stabilizzare gli LSU-LPU della Calabria”

"IERI insieme al collega Bruno Censore ed al consigliere regionale Carlo Guccione abbiamo tenuto una conferenza stampa per fare il punto sulla vicenda dei 5200 LSU/LPU della Calabria. Sin dal nostro insediamento come parlamentari abbiamo lavorato per raggiungere un duplice obiettivo: da una parte reperire le risorse per consentire agli LSU/LPU (nella foto il gruppo del Savuto) di continuare il loro lavoro che, in pratica, ormai sostiene l’intero sistema degli enti locali calabrese, dall’altra tentare di avviare, com’è avvenuto in altre regioni d’Italia, un processo di stabilizzazione che restituisca dignità  a questi lavoratori. Per ottenere questo risultato come parlamentari del centrosinistra nelle scorse settimane abbiamo avuto un incontro con il Ministro del Lavoro Giovannini che ha aperto una fase nuova, sulla quale dobbiamo tuttavia continuare a lavorare. Per fare ciò occorre l’impegno di tutte le istituzioni, a cominciare dalla Regione Calabria la quale deve impegnarsi per mettere ordine in tutto il settore del precariato e reperire anch’essa, per quanto le compete, le risorse necessarie. Per quanto ci riguarda continueremo a seguire la vicenda fino a quando non riusciremo a dare risposte concrete non solo per questa categoria di lavoratori ma per tutti i lavoratori e i disoccupati calabresi verso i quali abbiamo avanzato importanti proposte, a cominciare dall’introduzione del reddito minimo di cittadinanza". Così, in una nota, la parlamentare cosentina del Partito Democratico, Enza Bruno Bossio, a proposito della vertenza che interessa i lavoratori calabresi socialmente utili e di pubblica utilità .

Fonte: enzabrunobossio.it

Data: 11 giugno 2013.

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com