Amantea, il 1° agosto anteprima in piazza Calavecchia

EMOZIONARE e riflettere. L’obiettivo della Grotta dei Desideri (nella foto), l’evento di arte, moda e cultura organizzato dall’associazione culturale CP Produzioni con il supporto dell’assessorato al turismo della Provincia di Cosenza e del Comune di Amantea è dare modo al grande pubblico non solo di applaudire le creazioni degli stilisti provenienti da tutta Italia , ma anche di meditare su particolari tematiche di interesse sociale che si legano alla moda e che si aprono verso la società  civile. Un traguardo certamente non facile, raggiunto grazie alle sinergie positive che la CP Produzioni ha intrecciato nel corso di questi anni con i circolo nepetino della Fidapa, presieduto da Franca Dora Mannarino, e con l’Avis comunale di Lago, autorevolmente guidato da Pino Muto. Il primo agosto, in occasione della serata di Anteprima prevista in piazza Calavecchia con inizio alle ore 21, oltre alla presentazione degli abiti degli stilisti in concorso, si discuterà  di moda etica e sociale. La Fidapa (Federazione donne arti professioni e affari) ha invitato per la particolare occasione la docente Carla Lunghi dell’Università  Cattolica di Milano e autrice del libro “Creative evasioni. Manifatture di moda in carcere”. «Saranno presenti – aggiunge la presidente Franca Dora Mannarino – le responsabili delle due cooperative sociali che hanno dato origine a due brand di moda realizzati direttamente in carcere: la cooperativa sociale Alice opera per il brand “Sartorie San Vittore” e realizza le opere nelle case di detenzione di San Vittore e Bollate a Milano; mentre la cooperativa sociale Officina Creativa agisce per il brand “Made in carcere” e veicola le produzioni delle detenute di Lecce e Trani. La moda, in questo caso, non conquista soltanto per fascino e bellezza, ma anche come momento di rivalsa e di riscatto sociale, con la certezza che molte di queste detenute, una volta scontata la pena, riescono a ricollocarsi all’esterno nel mondo del lavoro». Durante la serata di anteprima si terrà  anche una sfilata di alcuni di questi abiti e verrà  organizzato uno stand espositivo per apprezzarne la fattura e la qualità  dei tessuti. Ma non sarà  questo l’unico momento dedicato alla solidarietà . Confermando una tradizione avviata con successo qualche anno addietro, il referente dell’Avis comunale di Lago, paese modello con una percentuale altissima di donatori, lancerà  un appello per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità  di donare il sangue. Solo così sarà  possibile superare l’emergenza cronica che vede l’Italia non in grado di soddisfare il proprio bisogno interno di sangue. «A differenza di molti altri eventi che comunicano la moda in maniera effimera e fine a se stessa – spiega il direttore artistico Ernesto Pastore – la Grotta dei desideri dedica un’intera serata a tematiche di particolare importanza che offrono ottimi spunti di riflessione. L’intenzione è di continuare su questa strada, nella consapevolezza che il binomio cultura e moda possa amplificare la propria portata».

Data: 24 giugno 2013.

Fonte: Emmedia.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com