Bianchi, successo per la prima dell’Oratorio 2013

àˆ TERMINATO con una bellissima festa all’insegna dell’allegria e amicizia la prima edizione dell’Oratorio 2013. Protagonisti di una movimentata ed entusiasmante settimana sono stati cento circa adolescenti, guidati e supportanti nelle attività  da volontari animatori e educatori.  A promuovere l’attività  presso l’Oratorio parrocchiale “San Domenico Savio” è stato don Serafino Bianco, parroco di Bianchi che nei mesi scorsi su concessione del Comune e aiutato da numerosi volontari ha ristrutturato l’edificio, dove una volta operavano le suore salesiane. Un impegno gravoso, portato a termine con passione e amore per accogliere, come faceva don Bosco i bambini e giovani. Molte le attività  intraprese e portate a termine con successo (pittura, canto, balli, musica, giochi e ascolto della parola di Dio) il tutto in un contesto propositivo di valori, soprattutto quelli dell’accoglienza e il rispetto di tutti, la stima degli altri e di sé, la collaborazione e la partecipazione. Ogni giorno a fine attività , per impegno e capacità  è stata proclamata con tanto di corona il Re e la Regina, un momento straordinario e meraviglioso di grande condivisione.  Gioiosi ed entusiasti gli adolescenti, accompagnati dai genitori hanno varcato il cancello-sipario con la scritta “Every body – Con tutto il corpo “ tema che ha accompagnato gli adolescenti e impegnato il reverendo insieme agli animatori e educatori. Un tema emozionale e umano del quale Don Serafino ha detto “ogni parte del corpo ha bisogno dell’altro, così nella vita e nel mondo, tutti abbiamo bisogno di tutti”.  L’iniziativa (nella foto) ha riscosso apprezzamento e tanto entusiasmo, giovani, genitori e nonni, hanno assistito alle attività  e rivissuto  momenti della loro fanciullezza, quando a Bianchi c’erano le Suore salesiane, un ricordo indelebile “un tuffo nel passato”. Gli animatori hanno collaborato in modo egregio e amorevole, hanno seguito gli adolescenti mettendo a disposizione risorse, esperienze e sapere. Un percorso quello affrontato dai partecipanti tutti, diventato una vera palestra di vita. E’ stata un’occasione per tutti i giovani per vivere una settimana e mettersi in gioco e rendersi utili. Con la sua semplicità  e amorevolezza, don Serafino ha voluto realizzare un luogo, dove gli adolescenti e i giovani sono aiutati a vivere in pienezza la propria umanità  e nel contempo per incontrare la Parola dettata da Dio all’uomo, perché l’uomo sia felice e perché la vita abbia un senso.

Pasquale Taverna

Data: 11 luglio 2013.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com