Il Peperoncino Jazz Festival approda nel Parco Nazionale della Sila

PROSEGUE in grande stile, facendo registrare ovunque un enorme successo di pubblico e critica, il 12° Peperoncino Jazz Festival, rassegna itinerante in ben 26 località  calabresi organizzata dall’Associazione culturale Picanto con il contributo della Regione Calabria (Fondi Europei POR CALABRIA FESR 2007/2013 Asse V Linea di intervento 5.2.3.1.), della Provincia di Cosenza, degli Enti Parco Nazionale del Pollino e Parco Nazionale della Sila, di numerose amministrazioni comunali, di C.C.I.A.A. e Confindustria Cosenza, AGIS e ANEC Calabria, che dallo scorso 16 luglio al 18 settembre prossimo continuerà  a regalare grande musica e tanti eventi culturali correlati a tutti i calabresi e ai tanti turisti e appassionati giunti per l’occasione nella nostra regione da ogni parte d’Italia. Dopo l’itinerario musicale sin qui disegnato nel Cosentino, da OGGI (venerdì 26 luglio) fino a domenica 28 luglio il PJF approderà  per il quarto anno nel cuore del Parco Nazionale della Sila, il cui splendido territorio ospiterà  una intensa “tre giorni” ispirata dalle sonorità  nordiche, fortemente voluta dal Direttore dell’Ente Parco, Michele Laudati e dal suo Presidente, Sonia Ferrari e realizzata, come quelle delle scorse edizioni, con l’Alto Patrocinio dalla Reale Ambasciata di Norvegia (terra con la quale si è inteso realizzare un ideale, gemellaggio musicale e culturale). Caratterizzata quest’anno anche nel segno della presentazione, in ESCLUSIVA NAZIONALE, di progetti discografici editi dalla storica etichetta tedesca ECM, la “tre giorni” silana verrà  inaugurata OGGI pomeriggio alle ore 17 dall’esibizione in “solo” del nuovo talento scandinavo della chitarra (acustica ed elettrica): Jacob Young, alla quale farà  da cornice la splendida Riserva Naturale dei “Giganti di Fallistro” (ingresso libero). Il festival diretto da Sergio Gimigliano, che anche quest’anno, tappa dopo tappa, si sta confermando come uno dei più importanti eventi culturali e turistici dell’estate calabrese – nonché come il festival jazz migliore d’Italia (così considerato a livello nazionale a seguito della vittoria, per due anni consecutivi, del prestigioso Jazzit Award nella categoria relativa ai festival nazionali) – DOMANI (sabato 27 luglio), invece, sempre alle ore 17, approderà  nello splendido contesto del Centro Visita del Cupone, laddove sarà  di scena il duo formato dal sassofonista Trygve Seim (che tra vanta collaborazioni con Manu Katché, Kenny Wheeler, Motorpsycho) e dal pianista Andreas Utnem (che ha suonato, tra gli altri, con Gjermund Larsen e Tord Gustavsen). Per la seconda delle tre giornate di “ECM Session” (laddove esiste, ormai, il “suono ECM”, brand consolidato ed accettato come sinonimo di qualità ), caratterizzate dalla presentazione, in esclusiva nazionale, delle migliori produzioni discografiche norvegesi edite dalla label fondata a Monaco da Manfred Eicher nel 1969 e ad ingresso libero, il PJF presenta un concerto davvero intimo e suggestivo, che prende spunto da “Purcor” (Songs for Saxophone and Piano), album dai toni e le atmosfere intensamente melodiche registrato nell’antica chiesa di Tà¸yen Kirke. Alla ricerca di atmosfere sempre nuove, suggestive, mai banali, questi due talentuosi artisti offriranno uno spettacolo unico all’appassionato pubblico del PJF (che già  lo scorso anno aveva avuto l’occasione di apprezzare il sassofonista in duo con il fisarmonicista Frode Haltli), proponendo brani originali e brani folk della tradizione scandinava riarrangiati in chiave del tutto personale. La tre giorni ispirata alle sonorità  scandinave si concluderà , poi, domenica 28 luglio presso la sede dell’Ente Parco Nazionale della Sila a Lorica di San Giovanni in Fiore, sul lago Arvo (meta turistica fra le più frequentate della Calabria) con il concerto (sempre ad ingresso libero ed in programma alle ore 17) del trio capitanato da colui che, da oltre 30 anni, è uno dei più importanti contrabbassisti europei: Arild Andersen, il quale, accompagnato dal sassofonista Grzech Piotrowski e dal compagno di sempre Paolo Vinaccia, riproporrà  “Live at Belleville”, album registrato per la ECM nel 2008, che nello stesso anno ha ricevuto dalla rinomata associazione francese Academie du Jazz il premio come “Miglior disco Jazz europeo dell’anno” e che ha riscontrato ovunque un grandissimo successo di pubblico e di critica. Si segnala che, come nella migliore tradizione del Peperoncino Jazz Festival, al termine di ciascuno dei tre spettacoli verrà  dato spazio alla degustazione dei migliori vini calabresi a cura dell’A.I.S. Calabria in accompagnamento a prodotti gastronomici silani.

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
ASSOCIAZIONE CULTURALE PICANTO
Web: www.peperoncinojazzfestival.com

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com