Polemiche in Consiglio, Unione intercomunale a rischio

DOVEVA esprimersi sullo spostamento della sede (da Cellara ad Aprigliano) ma è stato interrotto per sopravvenuta mancanza del numero legale dei suoi componenti. Si è concluso così tra le polemiche il Consiglio dell’Unione dei Casali, l’organismo che attiene all’associazione tra i Comuni di Aprigliano, Cellara, Figline Vegliaturo, Paterno Calabro e Piane Crati, nel sud Cosentino. Era stata l’Amministrazione cellarese, tempo addietro, a chiedere lo spostamento degli uffici (che presuppone una modifica allo Satuto) motivandone la decisione. Decisione della quale aveva preso atto, successivamente, anche la Giunta dell’Unione, attraverso un apposito atto deliberativo. Nelle scorse ore l’Assemblea ha votato i primi tre punti all’ordine del giorno, ma sul quarto è venuto a mancare il numero legale. “Ci sono amministratori irresponsabili – ha detto il sindaco di Cellara, Mario Caferro. Da circa un anno abbiamo espresso la necessità di riavere, per esigenze interno al nostro Municipio, gli spazi occupati dagli uffici dell’Unione”. Il primo cittadino (nella foto) si è detto pertanto “amareggiato dal comportamento di alcuni suoi colleghi” – sostenendo di aver illustrato la situazione in una lettera inviata nella mattinata di oggi al presidente dell’Unione con evidenziato, nel testo, un tempo definito per lo spostamento della sede. “Se tutto ciò non dovesse avvenire – ha fatto sapere Caferro – noi ci determineremo di conseguenza”. Diatribe politiche, dunque, che non fanno altro che penalizzare gli scopi per i quali l’Associazione è nata. E che rischiano, a questo punto, di avere conseguenze sulla ‘tenuta’ dell’organismo intercomunale. 

Gaspare Stumpo

Data: 27 settembre 2013.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com