Antimafia, Altomare plaude alla nomina di Rosy Bindi


“LA PRESIDENZA della Commissione Antimafia va in mano ad una delle intelligenze politiche più acute dello scenario nazionale, ma soprattutto ad una persona onesta e capace che, dei principi e dei valori etici della nostra tradizione e della nostra cultura, ha fotto motivi di ispirazione della propria militanza politica. L’organismo parlamentare va sotto la presidenza di una donna ched ella questione meridionale e, più nello specifico, della emergenza criminale ha quelle cognizioni che sono indispensabili per illuminare l’azione e per farne attrezzi operativi di affidabile sostegno ad una missione che, diaciamo la verità, non sempre, i suoi predecessori hanno saputo interpretare ed assolvere. Riteniamo che debba essere valorizzato il ruolo dell’Antimafia sotto il profilo dei suoi stessi compiti istituzionali e mantenuto estraneo agli strumentalismi della lotta politica. Ad un tempo vanno, in ogni caso, smantellati tutti quei legami che negli anni hanno detreminato torbide interconnessioni e deleterie connivenze e che hanno diffusamente contaminato diversi settori della economia e della politica. La mafia è diventata un fenomeno planetario e nazionale. La sua capacità di espansione ha portato le cosche, soprattutto della ‘ndrangheta, a controllare ampi comparti della vita economica del Paese, più o meno con la medesima incidenza, al Sud come al Nord. A maggior ragione, occorre che il problema venga affontato con la dovuta competenza e con il docuto rigore, qualità che sono elementi caratterizzanti dell’impegno politico storico espresso da Rosy Bindi e che, dunque, sono garanzia di equilibrio e di autonomia. E’ da prevedere che la Commissione Antimafia dirigerà le proprie attenzioni sulla Calabria, che del fenomeno, così per come ad ogni livello si è espresso, rappresenta l’area propulsiva, ma anche la fonte di contaminazione che ha compromesso importanti settori della vita pubblica e istituzionale. C’è bisogno di un forte impulso operativo che dia credibilità alla Commissione parlamentare, visto che il passato certamente non ne ha segnalato l’importnaza”. Così, in una nota, il vice sindaco di Rogliano, Giovanni Altomare (PD), a proposito della nomina alla Presidenza della Commissione parlamentare Antimafia, di Rosy Bindi.

Data: 24 ottobre 2013.

Nella foto: Giovanni Altomare.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com