Pre Sila Cosentina, gli Lsu-Lpu incrociano le braccia. “Cittadini, non sudditi””

OGGI 30 ottobre 2013, i lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità della Presila (nella foto), come in tutta la Regione Calabria, hanno incrociato le braccia aderendo totalmente ed unitariamente allo sciopero ad oltranza indetto da CGIL, CISL E UIL, creando notevoli disagi per la collettività ed il territorio, bloccando tutti i servizi istituzionali ed essenziali presso gli Enti Utilizzatori dove prestano la propria attività, da oltre 15 anni, sopperendo alle carenze di organico nei servizi amministrativi, tecnici, parascolastici, ambientali e di manutenzione. Gli Amministratori locali non hanno fatto mancare il loro sostegno inviando al Prefetto di Cosenza note di solidarietà nei confronti dei lavoratori, specificando l’enorme disagio che si è venuto a creare. Per troppo tempo questo esercito di lavoratori è rimasto invisibile per la politica regionale e nazionale che si è sempre dimostrata indifferente ed inconcludente nel trovare soluzioni concrete ed adeguate a questa vertenza. E’ inconcepibile in un Paese civile e democratico consentire l’utilizzo di lavoratori a nero nella Pubblica Amministrazione, a maggior ragione se si pensa che lo stesso Stato prevede sanzioni pesanti per le imprese private che utilizzano questo metodo. Oltre tre lustri in cui i lavoratori non hanno ricevuto retribuzioni in maniera regolare, malattie e ferie non pagate e soprattutto vivere nella continua incertezza lavorativa. Dunque una precarietà di lavoro e di vita che è sfociata in una vera e propria prigionia che sembra non avere fine, ma i lavoratori anche se portati, volontariamente, da questi governanti allo sfinimento, non si rassegnano a questo stato di cose, ed è per questo che, con voce forte, faranno sentire nei prossimi giorni tutta la loro rabbia ed indignazione. I lavoratori vogliono riappropriarsi del loro status di cittadini e non essere di sudditi di questo Paese, attraverso una lotta dura e definitiva rivendicando i loro diritti, tutelati dalle Organizzazioni Sindacali.

Data: 30 ottobre 2013.


Fonte:
Delegazioni lavoratori della Presila Cosentina di CGIL, CISL E UIL.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com