Rogliano, stato di pre allerta meteo su tutto il territorio

IL SINDACO di Rogliano, Giuseppe Gallo, ha disposto l’attivazione del Centro Operativo Comunale (COC) in seguito all’allerta meteo diffuso nelle scorse ore dalla Protezione Civile Regionale per la giornata di oggi e per le successive 24-36 ore.

Leggi la nota diramazione stato di pre-allarme.

Data: 29 novembre 2013.

Fonte: Comune di Rogliano (Cs).

 Di seguito l’analisi fornita in data odierna dal sito on line cosenzameteo.it

"E’ stato preannunciato da diversi giorni, ed oggi ne diamo la conferma. Una fase di forte maltempo è ormai imminente e provocherà forti piogge su tutta la nostra regione, in particolar modo sull’area Ionica. Il bacino del Mediterraneo, infatti, sarà interessato da un flusso di correnti di origine nord Atlantica che discendono lungo i meridiani grazie alla presenza di una struttura anticiclonica sull’Oceano e parte dell’Europa occidentale. Saranno proprio queste fresche correnti atlantiche a causare la formazione di due minimi di bassa pressione: uno sulle coste meridionali Francesi, uno sulle coste settentrionali Libiche. Si attiveranno cosi 2 vortici ciclonici che richiameranno da un lato aria più fresca da nord, dall’altro correnti miti ed umide da sud. Le correnti da sud, esattamente da Scirocco, saranno quelle che raggiungeranno la Calabria. Queste si caricheranno di umidità attraversando il mar Ionio (che ricordiamo, avendo ancora temperature sopra la media, dunque, miti, mette a disposizione una grande quantità di energia convettiva e quindi di umidità) favorendo la formazione di nuvolosità ed estese precipitazioni. Già nella giornata odierna il tempo risulterà in peggioramento, ma sarà da domani che il maltempo "acquisterà più vigore". I venti di Scirocco, infatti, risulteranno in rinforzo e l’apporto mite e, di conseguenza umido, sarà maggiore. Le precipitazioni, quindi, saranno copiose e localmente a carattere temporalesco. Tra domani e domenica, le zone Ioniche, dove lo Scirocco andrà ad impattare sui versanti delle catene montuose risalendole e, quindi, perdendo parte della propria umidità che si condenserà in pioggia esaltandone, quindi, l’intensità della precipitazione, potranno registrare accumuli pluviometrici anche superiori ai 100-150mm. E’ molto alto, dunque, il rischio di nubifragi, specie sulle zone pedemontane. Solo lunedi si dovrebbe avere un graduale miglioramento. Dal punto di vista termico, come di consueto con una circolazione meridionale, si avranno valori in netto aumento, salvo residue sacche di aria fredda nelle vallate interne (Valle del Crati in primis). La quota neve, quindi, risulterà in costante aumento già dalla tarda mattinata di domani, fino a "scomparire" del tutto, con pioggia anche sulle vette più alte. Da segnalare, anche, che saranno possibili mareggiate e forti raffiche di vento da SSE, in particolar modo sullo Ionio e sulle vette dei monti". (fonte: cosenzameteo.it)

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com