Dipignano. Festa grande per i 100 anni di Silvio Fiorino, l’ultimo dei calderai

LA SCORSA domenica 12 gennaio Dipignano, nel cosentino ha festeggiato i cento anni di mastro Silvio Fiorino, nato nella “cittadina del latte” e dei calderai (quadarari in dialetto nostrano) il 18 dicembre 1913. Una grande festa comunitaria, che segue quasi un mese quella familiare e che ha registrato una chiesa piena di gente che ha assistito alla Santa Messa eucaristica della domenica, alla fine della quale una benedizione speciale per mastro Silvio, che è la memoria storica del paese di quell’antico mestiere del calderaio, di cui lui ne è l’ultimo testimone di un gruppo di maestri del secolo scorso. La Santa Messa celebrata da don Luca Perri, cerimoniere del Duomo di Cosenza e parroco di San Nicola in Dipignano è stata segnata dal senso del rinascere nella memoria liturgica del Battesimo di Gesù, che conclude le celebrazioni del Tempo forte del Natale di Gesù e che ci introduce direttamente nella missione vocazionale di ognuno di noi tramite l’acqua e l’unzione fino alla Pasqua e Resurrezione del Signore. Nipoti e l’unico figlio, adottivo, Nazareno Franco, del Fiorino, ci introducono alla vita di mastro Silvio (nella foto) che ha viaggiato oltre che sempre intensamente lavorato al suo mestiere, facendo anche uno stage/seminario, tempo addietro, nelle scuole primarie della Città. Curiosità il fratello del Fiorino è anche un artista, ha riprodotto in rame la statua dell’Ecce Homo, ligneo conservato nel Santuario a Egli dedicato della Città, la cui opera si trova in altro santuario fuori dalla nostra regione. Abbiamo chiesto a mastro Silvio: ci ha detto che si deve tanto lavorare e viaggiare. Con noi, di Parola di Vita (settimanale cosentino, ndr), mastro Silvio, invita a diffondere nuovamente l’arte del rame dicendo che non c’è più nessuno rimasto a fare il nobile mestiere ed è un peccato che proprio il paese dei calderai perda l’arte. Frequenta la Messa e tempo permettendo con il sole e il caldo anche spesso. Una festa di compleanno con la torta fatta, in pasta di zucchero, da un’artigiana del luogo presso la scuola San Giuseppe delle suore Guanelliane. Don Luca Perri alla fine della cerimonia ha dato la benedizione ai bambini che nel 2013 hanno ricevuto il battesimo e consegnato a mastro Fiorino una Croce regalo della Comunità e la pergamena del Papa con la menzione: «Sua Santità Francesco di cuore impartisce l’implorata benedizione apostolica a Silvio Fiorino, invocando abbondanti grazie divine in occasione del suo 100° compleanno».

Lucia De Cicco

Data: 21 gennaio 2014.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com