Maltempo, la Regione chiede al Governo lo stato di calamità naturale

LA GIUNTA regionale si è riunita sotto la presidenza della vicepresidente Antonella Stasi con l’assistenza del dirigente generale Francesco Zoccali. Su proposta del presidente Scopelliti, di concerto con il sottosegretario con delega alla Protezione civile Giovanni Dima, è stata richiesta al Governo nazionale la dichiarazione dello stato di emergenza ai sensi dell’art.5 della legge 225/92, per gli eventi alluvionali e di dissesto idrogeologico, che hanno colpito il territorio regionale nel periodo 1-3 febbraio scorsi. Su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Gentile, è stato deliberato di promuovere l’Accordo di programma finalizzato alla realizzazione di un’ingegnerizzazione delle reti idriche di distribuzione urbana ed ai lavori di manutenzione straordinaria ed infrastrutturazione delle reti funzionali al miglioramento della gestione del servizio di distribuzione idrica ed alla riduzione delle perdite nella regione per i comuni capoluogo. Su proposta dell’assessore alla Programmazione nazionale comunitaria Giacomo Mancini, è stata deliberata la rimodulazione del piano finanziario del Por Calabria Fesr 2007-2013 – asse III ambiente . Su proposta dell’assessore alla Cultura Mario Caligiuri, è stata integrata la delibera sul dimensionamento scolastico. Non è stata recepita la proposta della Provincia di Cosenza, relativamente all’istituzione delle dirigenza scolastica per l’Istituto di Istruzione superiore di Rogliano, che ha 278 alunni, ed è stata confermato la Dirigenza scolastica all’IPSIA di Cosenza, che conta 575 allievi. La decisione è stata adottata in quanto la proposta della Provincia di Cosenza non era “rispondente alle esigenze ed ai fabbisogni della maggior parte degli studenti interessati e delle loro famiglie”.

Data: 05 febbraio 2014.

Fonte: Regione Calabria.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com