Istituto ‘Guarasci’. Bernaudo (PD): “troppo facile puntare il dito sul sindaco e chiederne le dimissioni”

“E’ TROPPO FACILE puntare il dito sul Sindaco e chiederne le dimissioni”. E’ quanto afferma il Segretario del  P.D. Franco Bernaudo (nella foto) dopo aver letto l’articolo a firma degli attivisti del M5S della Valle del Savuto. “Credo che il M5S, si sia accorto un po tardi per affrontare con determinazione ed immediatezza il problema dell’autonomia dell’I.I.S. “ A. Guarasci di Rogliano”. Come riportato dal Sindaco Giuseppe Gallo, l’Istituto ha perso l’autonomia da più anni: la  presenza di un Reggente infatti giustifica un Istituto con un numero  inferiore ai 300 alunni. Voglio ricordare agli amici del M5S la comunicazione con la quale il Sindaco del Comune di Rogliano e l’intera Amministrazione Comunale  abbiano  ribadito, al Presidente della Provincia, la contrarietà più netta per la scelta compiuta di accorpare l’Istituto Superiore “A. Guarasci” all’Istituto Tecnico Commerciale “Cosentino“ di Rende. Anche perché la soluzione di accorpare l’Istituto Guarasci con l’Ipsia Marconi di Cosenza, con dirigenza su Rogliano, era contenuta nella proposta di Piano dello scorso anno poi non approvato dal Consiglio Provinciale. E’ da ricordare ancora l’intervento del Sindaco di Rogliano sul Sindaco di Cosenza per rafforzare il polo scolastico del Savuto ed evitare processi di indebolimento territoriale. La scelta di togliere l’autonomia all’I.I.S  “A. Guarasci” di Rogliano è stato  solo un atto d’impero della Giunta Regionale che continua imperterrita a colpire il territorio posto a Sud di Cosenza: e nessuno dice nulla! Apprendo con soddisfazione che la Giunta Comunale di Rogliano ha dato incarico ai legali per impugnare la delibera regionale. Di fronte a queste azioni, tutti noi, al di la dell’appartenenza partitica e politica, dovremmo avere un momento di orgoglio e contestare nelle sedi opportune, le scelte scellerate che mirano solo ed esclusivamente a colpire il territorio posto a Sud di Cosenza. Sono pienamente d’accordo  e confermo che “il farsi scivolare addosso le decisioni altrui devono finire”. Un modo questo di  operare che richiede intelligenza nell’affrontare le varie problematiche e, anche se da angolature diverse, essere impegnati insieme per ottenere lo stesso obiettivo: più sviluppo a Sud!”.

Data: 09 febbraio 2014.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com