Rogliano, il maltempo blocca ‘La Passione e Resurrezione di Cristo’. Don Borrelli ricorda la figura di Cosimo Zumpano

LA SCENA del Battesimo di Gesù, novità introdotta quest’anno, ha aperto e chiuso, purtroppo, la rappresentazione scenica de ’La Passione e Resurrezione di Cristo’. L’intensità della pioggia, la difficoltà di movimento degli attori e del pubblico, quelle tecniche legate all’impianto luci e di amplificazione audio, hanno costretto gli organizzatori a sospendere anzitempo la manifestazione. I presenti hanno assistito solo al monologo di Antonio Simarco nelle vesti di Giovanni Battista. Poi lo stop, sofferto ma necessario, con l’arrivederci all’edizione 2015. “Sia fatta la volontà del Signore” – ha detto don Santo Borrelli. Il sacerdote, che ha invitato i presenti a vivere la Pasqua con fede e partecipazione alle funzioni sacre, ha ringraziato quanti si sono impegnati alla pianificazione e alla realizzazione della iniziativa, soprattutto per la preparazione delle scene (circa tre mesi prove) e per la sistemazione delle scenografie (più di una settimana di lavoro). Un insieme di operazioni coordinate dal regista Antonio Simarco che ha coinvolto centinaia di persone, trovando sintesi (almeno in parte) nella imponente location di piazzale Stazione che, tra architetture del tempo, costumi e giochi di luce, era apparsa come un bellissimo set cinematografico.Tra le altre cose, il parroco di San Pietro ha ricordato la figura di Cosimo Zumpano che più volte, negli anni passati, aveva partecipato all’evento “e che adesso – ha ricordato il prelato – ci guarda dal Cielo”. Tradizionale iniziativa della Domenica delle Palme a Rogliano – ‘La Passione e Resurrezione di Cristo è annoverata, ricordiamo, tra principali riti della Settimana Santa in Calabria.

Gaspare Stumpo

Data: 13 aprile 2014.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com