L’8 x 1000 per la tutela e valorizzazione dei beni culturali. Le chiese della Diocesi di Cosenza soggette a restauro negli ultimi 7 anni

L’UFFICIO nazionale per i beni culturali ed ecclesiastici della Segreteria Generale della Conferenza Episcopale Italiana, nato nel 1995, ha come principale finalità di coadiuvare in forma permanente la Conferenza Episcopale Italiana, le Diocesi, le Conferenze Episcopali Regionali e le Società di Vita Apostolica in tutto ciò che riguarda la tutela e la corretta valorizzazione, l’adeguamento liturgico e l’incremento dei beni culturali ecclesiastici. La competenza dell’Ufficio si estende anche alla cura degli archivi, delle biblioteche, dei musei e delle collezioni ecclesiastiche.

Tra i suoi compiti, anche quello di curare le pratiche legate alla richiesta di contributo 8×1000 a favore dei beni culturali ecclesiastici provenienti dalle diocesi italiane. Con i fondi dell’8×1000, molte diocesi hanno ottenuto contributi per i restauri degli edifici di culto. Dal 1996 in Italia sono stati assegnati Euro 717.705.163, 682 (dato aggiornato al 18 maggio 2014).

Anche nel territorio della Diocesi di Cosenza-Bisignano, l’8×1000 ha coadiuvato l’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici per la realizzazione di opere nelle nostre Chiese, e per la tutela e la valorizzazione di beni architettonici, storico-artistici, librari, archivistici. Dal sistema antintrusione agli archivi e biblioteche, fino agli organi, ecco l’impegno della Diocesi per la tutela dei beni culturali.

Restauro di organi a canne. Per il restauro di organi a canne di interesse storico-artistico la CEI finanzia il 30% dell’intero intervento. Ecco l’attività dell’Ufficio diocesano (2003-2013):

– Parrocchia di Casole Bruzio.
– Chiesa di Santa Maria del Soccorso in Scalzati di Casole Bruzio.Le
– Chiesa dell’Immacolata in Luzzi.
– Chiesa di Sant’Elia Profeta in Trenta.
– Parrocchia di Santa Maria Assunta in Cleto.
– Chiesa della Confraternita B.V. della Misericordia in San Martino di Finita.
– Chiesa di San Biagio V.M. in Amantea.
– Chiesa del Rosario in Paola.
– Parrocchia di Maria SS. Del Carmine.

Restauro di edifici di culto. Dal 2006 al 2013 sono stati effettuati interventi di restauro e consolidamento per un totale di oltre 2.500.000,00 Euro nei seguenti edifici:

– Chiesa di San Nicola in Cribari di Trenta.
– Chiesa di San Nicola di Bari in Celico.
– Chiesa di Santa Maria del Rosario in Fuscaldo.
– Chiesa dell’Immacolata in Lattarico.
– Chiesa di Santa Maria Assunta in Trenta.
– Chiesa di Santa Maria Assunta in Santa Maria Le Grotte di San Martino di Finita.
– Chiesa di San Nicola ante Castillum in Acri.
– Chiesa di Santa Maria Assunta in Perito di Pedace.
– Chiesa di Santa Maria Assunta in Carolei.
– Chiesa di San Domenico in Aprigliano.
– Chiesa di San Giovanni Evangelista in Mangone.
– Chiesa dei Santi Pietro e Paolo in Paterno Calabro.

Data: 24 maggio 2014.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com