Cosenza, Banca Carime dona il suo patrimonio librario alla ‘Fondazione Premio Sila ’49’. Carci Greco presidente della Fondazione

IL PRESIDENTE di Banca Carime, Prof. Avv. Andrea Pisani Massamormile (nella foto), ha firmato in data 17 luglio 2014 l’atto pubblico di donazione, nello studio del notaio Camilleri di Cosenza, dell’intero patrimonio librario di Banca Carime a favore della Fondazione Premio Sila ‘49 rappresentata dal Presidente Avv. Enzo Paolini, ratificando nell’occasione la nomina della Prof.ssa Ermanna Carci Greco quale Presidente del CdA della Fondazione.

Banca Carime, che fa parte del Gruppo Bancario UBI Banca, dal 1998 rappresenta l’unione di tre Casse di Risparmio Meridionali: Calabria e Lucania, Puglia e Salernitana. Carime ha così raccolto il patrimonio delle antiche e prestigiose istituzioni creditizie locali compreso il patrimonio librario che oggi viene restituito alla fruizione pubblica attraverso la disponibilità della Fondazione Premio Sila ‘49.

La Fondazione, rinata sulle ceneri del prestigioso Premio nato nel 1949 da un’idea di Raffaele Cundari, Giacomo Mancini e Mauro Leporace, ha infatti già avviato i lavori di restauro della propria sede in Salita Liceo, nel cuore del centro storico cittadino dove la biblioteca sarà trasferita, archiviata e digitalizzata per essere messa in rete e collegata al network della cultura in cui operano enti come Unical, Fondazione Carical, Fondazione Giuliani, Accademia cosentina, Biblioteca civica e tutte le istituzioni culturali della città e della regione.

I volumi donati, per la gran parte, rivengono in particolare dalla collezione bibliotecaria della ex Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania.

Il patrimonio librario formato da oltre 10.000 volumi e riviste comprende testi antichi e sezioni dedicate a temi di carattere socio-economico, volumi d’arte, testi meridionalistici, riviste di carattere finanziario, raccolta di periodici e riviste edite da altre banche, pubblicazioni ufficiali della Banca d’Italia, una sezione della Gazzetta dell’Unione Europea, pubblicazioni più recenti di alcune case editrici e raccolta di testi di organizzazione aziendale, marketing, statistica, storia economica, sociologia.

Il prezioso patrimonio consta anche di un catalogo informatizzato che sarà acquisito dalla Fondazione per un’utile sistematizzazione delle sezioni.

“In tal modo – ha dichiarato il Presidente di Banca Carime Prof. Andrea Pisani Massamormile – si è voluto rinnovare il concreto profondo legame con il territorio calabrese in cui Banca Carime opera e di cui si sente parte attiva. Per questo siamo attenti nel sostenere e favorire aspetti di crescita civile e culturale che sono il vero patrimonio che può traghettare le nuove generazioni nel futuro, rileggendo la storia e le tracce del passato per poi essere in grado di scriverla diversamente, non dimenticando mai le proprie radici, la storia del passato ed i valori trasmessi dalle precedenti generazioni, anche attraverso questa importante raccolta libraria. Il Meridione è impregnato di una ricchezza culturale che non teme confronti, per tale ragione possiamo e dobbiamo promuovere concretamente quanto abbiamo la fortuna di avere a disposizione. Con vero piacere abbiamo anche in questa occasione offerto il nostro contributo alla realizzazione di un’iniziativa che renda fruibile un’importante ricchezza a tutta la comunità, affinché sia testimonianza storica dei nostri tesori”.

Data: 19 luglio 2014.

Fonte: Fondazione Premio Sila – UBI Banca Carime.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com